Segui i nostri social

Trasporti

12 ore di ritardo sulla tratta Bologna Catania. Richiesto risarcimento dai passeggeri con la DelayFlight24

Redazione

Pubblicato

-

Nota della DelayFlight24

Diversi passeggeri hanno segnalato alla claim company DelayFlight24 la spossante attesa e gli enormi disagi subiti a causa del prolungato ritardo Ryanair sul volo Bologna – Catania del giorno 13/04/2022. Ci riferiamo nello specifico al volo Ryanair FR1087 in partenza dall’aeroporto di Bologna con destinazione finale Catania. Il volo in questione ha riportato un ritardo di dodici ore. Le segnalazioni dei passeggeri hanno immediatamente attivato le verifiche incrociate dei dati aeroportuali effettuate dallo staff tecnico di DelayFlight24, tali rilievi non avrebbero evidenziato la presenza di alcuna circostanza eccezionale intercorsa a causare questi prolungati ritardi. Ciò significa che i passeggeri possono attivare una richiesta di “compensazione pecuniaria”, un risarcimento forfettario del disagio subito che ammonta a 250 € per singolo passeggero. Come attivare una richiesta risarcitoria per ottenere la compensazione pecuniaria da ritardo aereo?

Nulla di più semplice!

Basta compilare il form inserendo i propri dati e quelli del volo all’interno della home page di DelayFlight24 per ottenere il rimborso Ryanair. Se sei quindi tra i passeggeri del volo in ritardo Ryanair FR1087 Bologna – Catania del 13 aprile 2022, puoi ottenere un risarcimento di 250 euro!

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trasporti

Trasporti – Schifani scrive a ITA e Ryanair: voli più frequenti e meno cari per Pasqua

Direttore

Pubblicato

il

Sui trasporti aerei e marittimi c’è sempre da intervenire.
Il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, specie in vista delle festività pasquali, ha scritto alle due compagnie e all’ENAC, relativamente alla frequenza e costi dei voli.

Il presidente della Regione Renato Schifani ha scritto oggi alle compagnie aeree Ita e Ryanair, e per conoscenza all’Enac, per chiedere di intervenire il prima possibile sulla frequenza dei voli da e per la Sicilia e per calmierare le tariffe, soprattutto in vista delle prossime festività Pasquali. 
 
Nella condizione di insularità, infatti, “il trasporto aereo riveste un ruolo strategico fondamentale per garantire la continuità territoriale e la mobilità dei suoi abitanti e, non secondariamente, ai fini dello sviluppo di una delle più rilevanti leve economiche per la regione: il turismo”.
 
Il governatore ha inteso così proseguire nella sua battaglia a tutela dei diritti dei cittadini siciliani, che si ritrovano in questi giorni ad essere “penalizzati doppiamente”: “una volta – è scritto nella nota – a causa delle tariffe applicate ai voli da e per l’Isola, si vedano gli spostamenti cosiddetti ‘di ritorno’ tipici dei periodi festivi, e una volta per la minore capacità di attrarre investimenti e movimento turistico”. Con il risultato che “a causa di politiche commerciali di limitata visione prospettica, i loro diritti sono ridotti e affievoliti rispetto ai cittadini della terraferma”. 
 
Dopo aver sottolineato che si assiste già, in prossimità della Pasqua, “ad una ridotta disponibilità di biglietti aerei nei voli operati” e “ad un incremento vertiginoso delle tariffe”, il presidente Schifani, in attesa dell’esito del noto esposto all’Antitrust, ha chiesto “di adottare fin da subito, politiche commerciali tendenti alla riduzione del costo dei biglietti aerei e ad un incremento della frequenza dei voli, attraverso il quale potrebbero anche essere compensate le riduzioni delle tariffe, cercando in questo modo di coniugare il legittimo interesse economico e l’altrettanto legittimo interesse dei cittadini”.

Leggi la notizia

News

Trasporti, sciopero aerei il 17 marzo: previsti cancellazioni e disagi da Milano a Catania

Direttore

Pubblicato

il

Per venerdì 17 marzo è annunciato  uno sciopero nazionale del trasporto aereo, che potrebbe cagionare cancellazione di voli e disagi.

La protesta parte da Cub, Uilt-Uil, Ugl-Ta, Cgil e Flai trasporti e servizi, coinvolgerà diversi aeroporti. 
 

Chi aderisce allo sciopero

 Le sigle Flati trasporti e servizi, Osr Cub trasporti e Cub si fermano per 24 ore, in particolare su Milano Linate;
il personale aeroportuale dell’aeroporto di Pisa si fermerà per 4 ore (dalle 10 alle 14);
il personale nazionale iscritto alla Ugl-Ta dalle 11 alle 15; il personale Air Dolomiti dalle 13 alle 17;
il personale Atitech di Roma Fiumicino dalle 13 alle 17;
il personale della società Gh Catania dalle 10 alle 14. 
Inoltre, gli iscritti e le iscritte al Cub resteranno in stato di agitazione dal 18 marzo al 5 aprile 2023.
 

Motivo dello sciopero

E’ ormai da un anno che gli operatori aeroportuali continuano a scioperare per:
una retribuzione economica migliore e una modifica degli orari e delle condizioni di lavoro.
 

Il consiglio

Prima di prepararsi alla partenza è consigliabile contattare la propria compagnia aerea per avere conferme.

Leggi la notizia

Sanità

Volo Venezia-Palermo, passeggero colto da malore. Aereo dirottato

Direttore

Pubblicato

il

Era in viaggio da Venezia per Palermo, un passeggero che è stato colto improvvisamente da malore.

Il cambio di rotta

Il comandante del volo, decollato alle 5.40 dalla città lagunare e diretto a Palermo con scalo alle ore 7.20, ha cambiato la rotta dell’aereo per permettere il soccorso dell’uomo.

Così, reimpostata la nuova rotta, il velivolo è stato deviato per l’aeroporto di Capodichino, a Napoli.
Il malcapitato è stato immediatamente soccorso dai sanitari che erano stati allertati e l’aeromobile subito dopo è ripartito verso la Sicilia ed è atterrato a Punta Raisi alle ore 8, con un ritardo minimo.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza