Segui i nostri social

Cronaca

L’ultimo spettacolo dell’Etna, fontane di lava e nubi di cenere: l’eruzione del 18-19 gennaio 2021

Giuliana Raffaelli

Pubblicato

-

Una eruzione breve ma intensa, senza dubbio, spettacolare, quella che “a muntagna” (così sono soliti chiamare l’Etna i catanesi) ha offerto ai suoi concittadini la scorsa notte (tra 18 e 19 gennaio). Dalle pendici sud-est del maestoso vulcano (3350 metri di altezza, 40 km di diametro alla base) sono fuoriuscite due colate di lava che hanno improvvisamente illuminato, in modo molto suggestivo, la buia notte catanese. Una notte particolarmente tenebrosa a causa delle dense nubi e un fenomeno particolarmente luminoso a causa dell’interazione tra lava e neve, come ha spiegato al TG3 il vulcanologo Boris Behncke dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), attualmente in forza all’Osservatorio etneo: “Il fenomeno luminoso è stato amplificato dalla presenza delle nuvole e del pennacchio stesso prodotto dall’attività e da forti interazioni tra le colate laviche e la neve caduta nelle ore precedenti”.

La prima colata si è diretta verso est nella Valle del Bove, mentre la seconda è scesa lungo i fianchi nord-est verso la Valle del Leone. L’eruzione, avvenuta quindi nella zona sommitale dell’Etna, è stato vista molto chiaramente da Catania a Taormina.

L’attività, accompagnata da sismi di intensità medio/alta, pur diminuita dalle 21 di ieri sera, sta continuando con quella che i vulcanologi definiscono “attività stromboliana”. Essa si manifesta con tipiche esplosioni continue di bassa/moderata intesnsità accompagnate da emissione di gas e brandelli di lava. La nube vulcanica che si è alzata dalla montagna ha depositato cenere sui suoi fianchi orientali e sulla frazione di Fleri (Zafferana Etnea).

I vulcanologi dell’INGV avevano osservato, a fine dicembre, una intensificazione dell’attività esplosiva di cui si conferma il trend.

Chissà se la scorsa notte i cittadini catanesi hanno esclamato “come è bello da vicino il nostro Etna!” così come fece Giuseppe Verga nel romanzo “Storia di una capinera”.

(Credit immagine: pagina facebook di Sebastiano Pagano)

Laureata in Scienze Geologiche, ha acquisito il dottorato in Scienze della Terra all’Università di Urbino “Carlo Bo” con una tesi sui materiali lapidei utilizzati in architettura e sui loro problemi di conservazione. Si è poi specializzata nell’analisi dei materiali policristallini mediante tecniche di diffrazione di raggi X. Nel febbraio 2021 ha conseguito il Master in Giornalismo Scientifico all'Università Sapienza di Roma con lode e premio per la migliore tesi. La vocazione per la comunicazione della Scienza l’ha portata a partecipare a moltissime attività di divulgazione. Fino a quando è approdata sull’isola di Pantelleria. Per amore. Ed è stata una passione travolgente… per il blu del suo mare, per l’energia delle sue rocce, per l’ardore delle sue genti.

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Avatar

    Vincenzo Pulvirenti

    20:37 - Gennaio 19, 2021 at 20:37

    Ho letto con particolare interesse l’articolo di Giuliana Raffaelli, e da vecchio geofisico formatosi anche alla scuola di vulcanologia dell’Università degli Studi di Catania diretta dal Ch.mo Prof. Alfred Rittmann, non posso che complimentarmi con l’autrice.
    Vincenzo Pulvirenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Turismo

Trapani, GAL ELIMOS: Presentazione del Masterplan su turismo esperienziale e sostenibile al Polo universitario cittadino

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Il Masterplan verrà presentato al Polo universitario di Trapani – Aula magna – il 2 dicembre 2022 alle ore 9:30
 

Il Masterplan sul turismo esperienziale e sostenibile del GAL Elimos è uno strumento di pianificazione strategica che parte da un’analisi della situazione attuale e individua i punti critici di forza e di debolezza, opportunità e rischi del settore nella nostra area geografica.

Tale lavoro di studio, ricerca e analisi, effettuato da una equipe multidisciplinare di esperti, costituisce un orientamento utilissimo per coloro (Comuni; Enti pubblici e del terzo settore; Enti pubblico/privati; Associazioni civiche, culturali e di rappresentanza di interessi; Operatori economici del settore del turismo e della produzione agro-alimentare, artigianale tipica e di qualità) che si trovano nella situazione di dover decidere e valutare a beneficio del territorio interventi e investimenti pubblici e privati.

.

Interverranno per i saluti istituzionali:

Giorgio Scichilone, Presidente del Polo Universitario di Trapani

Luca Sammartino, Assessore dell’Agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca- Regione Siciliana

Dario Cartabellotta, Dirigente generale del Dipartimento Agricoltura – Regione Siciliana

Giuseppe Dimino, Dirigente Servizio 3 Multifunzionalità e diversificazione in agricoltura – LEADER – Regione Siciliana

Giuseppe Affrunti, Dirigente dell’Unità Operativa S3.02 – LEADER – Regione Siciliana.

Per esporre i contenuti del Masterplan riguardanti il percorso e la strategia del Piano di sviluppo enogastronomico e naturalistico (termale e del benessere):

Il gruppo di lavoro del RTI Strategic Team of Planning – Consorzio Solidalia.

Per quanto attiene al turismo culturale e sociale intervengono:

Ivan Vitali, Consulente esperto in economia sociale e welfare di prossimità

Clara Bonanno, Consulente esperto in politiche del turismo sociale e di accessibilità

Mario Pantaleo, Consulente esperto in urbanistica e pianificazione territoriale

Alberto Brugnoni, Consulente esperto in storia ed eredità culturale degli Arabi in Sicilia

Angela Tanania, Consulente esperto in valorizzazione turistica e fruibilità dei beni culturali

Ferdinando Trapani, Consulente esperto in urbanistica e pianificazione territoriale

Cleo Li Calzi, Consulente esperto in politiche del turismo culturale

Gioacchino Fazio, Consulente esperto in pianificazione strategica dello sviluppo socio–economico locale

Calogero Moscato, Consulente esperto in progettazione e gestione di eventi culturali

 

Inoltre, verranno presentate alcune iniziative programmate per l’alta formazione in tema di turismo, sviluppo sostenibile e welfare di prossimità, a cura di:

Gioacchino Fazio (UNIPA): Corso di alta formazione per Manager degli eventi della cultura e dello spettacolo

Luigino Bruni (LUMSA): Master Universitario in Economia sociale e welfare di prossimità 

Gianfranco Marrone (UNIPA): Master Universitario in Comunicazione per l’enogastronomia

Filippo Sgroi (UNIPA): Corso di laurea triennale in Scienze alimentari e gastronomiche.

Si darà l’opportunità agli stakeholders di intervenire per un breve dibattito sui temi trattati

Leggi la notizia

Economia

“Straccia bollo”, prorogato al 31 dicembre. Falcone “Misura già decisa dal Governo Schifani”

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

: Presidenza della Regione
Ci sarà ancora un mese di tempo per usufruire dell’agevolazione “Straccia bollo” della Regione Siciliana. A renderlo noto è l’assessore regionale all’Economia, Marco Falcone. «È una misura che era già stata decisa dal governo regionale – afferma Falcone – anche perché il differimento del termine di pagamento è stato molto apprezzato dai contribuenti siciliani e adesso lo stiamo estendendo almeno fino al prossimo 31 dicembre. L’obiettivo che ci eravamo prefissati – sottolinea Falcone – può dirsi già raggiunto: nel solo mese di novembre 2022 gli incassi da bollo auto per la Regione sono aumentati del 255 per cento rispetto a novembre 2021 e in appena due mesi abbiamo registrato oltre 183mila pagamenti. Significativi, dunque, i vantaggi in termini di riscossione per i nostri uffici, ma soprattutto in termini di concreti risparmi per i cittadini siciliani volenterosi che, ancora in questo momento, affollano gli sportelli appositi».
 
Con lo spostamento dei termini oltre il 30 novembre, grazie a un’intesa fra il dipartimento delle Finanze e gli sportelli Aci e Pratiche auto sul territorio, sarà dunque possibile pagare gli arretrati del bollo auto senza sanzioni o interessi per gli anni dal 2016 al 2021. Alla data di ieri gli incassi della Regione soltanto nel mese di novembre hanno toccato i 32 milioni di euro, secondo le prime rilevazioni parziali, in netto aumento rispetto ai 9 milioni incassati a novembre 2021. «Il governo Schifani – aggiunge Falcone – inserirà inoltre nelle prossime variazioni di bilancio la possibilità di rateizzare i debiti superiori a cinquemila euro senza sanzioni e interessi».

Legge regionale 

 
A introdurre la misura “Straccia bollo” era stata la legge regionale 16 dello scorso agosto. La regolarizzazione agevolata, rivolta sia alle persone fisiche che giuridiche, riguarda i mancati pagamenti già iscritti a ruolo per gli anni dal 2016 al 2019 (escluse le somme già versate all’agente della riscossione) e quelli degli anni 2020 e 2021 non ancora regolarizzati con i canali di riscossione ordinaria.

Leggi la notizia

Cronaca

Trapani – Controlli del territorio: 5 denunce e un arresto per evasione

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Carabinieri della Compagnia di Trapani hanno eseguito un servizio straordinario di
controllo del territorio dove sono state denunciate cinque persone ed arrestato un
pregiudicato di 30anni per evasione.

25enne egadino armato di coltello a serramanico lascia i domiciliari

Un 25enne di Favignana è stato sorpreso a seguito di perquisizione in possesso di un
coltello a serramanico di genere vietato e per questo denunciato per porto di armi od
oggetti atti ad offendere, un pregiudicato trapanese di 25 anni si sarebbe reso
responsabile della violazione degli obblighi legati alla sorveglianza speciale violando la
prescrizione di non allontanarsi da casa durante le ore notturne.

Il 23enne ericino
Durante i controlli alla circolazione stradale è stato denunciato un 23enne ericino per guida in stato di ebrezza in quanto alla guida del veicolo in evidente stato di alterazione
psicofisica dovuta all’ingestione di bevande alcoliche, accertato con etilometro.

Incidenti stradali sotto effetto di droghe

Altri 2 soggetti di 19 e 44 anni sono invece stati denunciati in quanto, rimasti coinvolti in
due distinti incidenti stradali, trasportati presso l’area di emergenza del locale nosocomio a seguito delle lesioni riportate, risultavano positivi al test dei “cannabinoidi”.

Durante medesimo contesto operativo, all’atto del controllo di soggetti sottoposti agli
arresti domiciliari, non risultava presente in casa un trapanese classe 92, arrestato due
volte dagli operanti nell’anno in corso per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e per resistenza a Pubblico Ufficiale. Dopo pochi minuti di ricerche veniva individuato, a pochi KM. dall’abitazione, mentre rincasava. Veniva sottoposto, come disposto dall’A.G.,
nuovamente agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza