Segui i nostri social

Cultura

Premi: Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo tra gli eventi finalisti del Bea, Best Event Award

Marilu Giacalone

Pubblicato

-

Il riconoscimento nazionale premia l’eccellenza degli eventi

Il festival internazionale di San Vito Lo Capo in lizza tra gli eventi culturali

Il Cous Cous Fest è tra gli eventi finalisti del Bea, il Best Event Awards Italia 2023, il più importante riconoscimento che premia l’eccellenza negli eventi e nella comunicazione dal vivo in tutto il mondo. La selezione dei vincitori e la cerimonia di premiazione si svolgeranno nell’ambito del Bea Italia, il Festival italiano degli eventi e della live communication che celebra la sua 20^ edizione il 21 e il 22 novembre prossimi all’Auditorium Parco della musica Ennio Morricone di Roma, la grande struttura progettata da Renzo Piano che è un’opera d’arte a cielo aperto.
Sarà una due giorni di incontro e networking dedicata alla community degli eventi e dei congressi, per celebrare la creatività e le innovazioni che stanno ridisegnando il panorama della live communication e condividere best practice.
Il festival internazionale dell’integrazione culturale, che da 26 anni si svolge a San Vito Lo Capo, è nella rosa degli 8 eventi italiani finalisti nella categoria eventi culturali. A valutare tutte le candidature sarà una giuria di professionisti del settore: comunicatori, responsabili delle pubbliche relazioni e degli eventi delle maggiori aziende e istituzioni italiane, presieduta da Tommaso Muscojona, Sport event marketing manager di Red Bull Italia.

Martedì 21 novembre il festival sarà raccontato durante uno speech alla giuria in seduta plenaria da Marcello Orlando, ceo dell’agenzia Feedback, producer dell’evento insieme al Comune di San Vito Lo Capo. Ad essere valutati saranno la creatività e l’innovazione dell’evento, la sua esecuzione, l’efficacia, la strategia di canale utilizzata, la rilevanza con gli obiettivi di comunicazione dell’azienda e i valori del marchio, la qualità complessiva, specialmente in confronto al budget in relazione agli altri concorrenti della stessa categoria.
Della short list degli eventi culturali ammessi in finale fanno parte la Candidatura per Roma Expo2030 – Humanlands, ROM-E Ecosostenibilità e futuro, Enlightening Drone Light Show, Light is Life. Festa delle Luci A2A, Moving Data, Christmas World e This is Wonderland.  
Il Cous Cous Fest, nella sua storia, ha vinto premi e riconoscimenti prestigiosi. Tra questi, nel 2006, il Premio Luigi Veronelli, istituito da Class Editori e Veronelli Editore; nel 2004 una segnalazione speciale nell’ambito del Premio Impresa e Cultura promosso da Confindustria, Ice, Sviluppo Italia e Comune di Palermo; nel 2010 il Premio nazionale “Cool Turismo. Comunicare le meraviglie d’Italia”. Decine, infine, le tesi di laurea dedicate all’evento quale case history di marketing territoriale e le testimonianze portate in aule prestigiose, l’ultima allo Iulm di Milano, sulle chiavi del suo successo.

Cultura

In libreria – “Nassiriyah, dall’attentato alla ricerca della verità”, presentato libro del Gen. Carmelo Burgio, ex Comandante CC. di Trapani

Giovanni Di Micco

Pubblicato

il

Nassiriyah, l’attentato più sanguinoso subito dalla Forze Armate italiane, del Secondo Dopoguerra

 

Ieri pomeriggio, in Sala Consiliare del Comune di Aprilia, si è tenuta la presentazione del libro “Nassiriyah. Dall’attentato alla ricerca della verità”.

L’evento, organizzato dall’Associazione Forense Avvocati Aprilia, ha richiamato un pubblico che gremiva la Sala Luigi Meddi, curioso di conoscere gli eventi del terribile attentato nella città irachena, dalle parole del suo stesso autore, Gen. C.A./Ris. dei Carabinieri Carmelo Burgio, che negli anni 2000 aveva ricoperto il Comando Provinciale di Trapani.

Per l’occasione, il Presidente AFAA, l’Avvocato Anna Maria Giannantonio, coadiuvato dal C.C. Para’ Giuliano Ranchelli, ha invitato tutte le autorità militari e civili e Forze dell’Ordine di Aprilia e oltre, che hanno partecipato con vivo interesse alle interviste svolte dal Gen. B./Ris. Michele Gallo e dalla giornalista Marina Cozzo.

A fare gli onori di casa, il Sindaco di Aprilia, Lanfranco Principi.

 L’alto ufficiale in congedo, testimone di un pezzo di storia italiana e straniera terribile, si è prestato a rispondere alle interviste, arricchendo le narrazioni di dettagli militari e umani, inducendo ad una attenzione sempre più curiosa gli astanti.

“Il libro narra dell’attentato più sanguinoso subito dalle Forze Armate dal Secondo Dopoguerra.

E’ diviso in parti – spiega il militare siciliano – : nella prima si tratta la meccanica dell’attentato, delle sue cause; la seconda della ricostruzione di un reparto che aveva subito un danno enorme sia dal punto di vista materiale, che da quello psicologico; la terza parte è dedicata a spiegare la vicenda giudiziaria” che è conseguita e ha visto sotto processo e una sentenza di condanna del comandante allora in carica.

 

Si pensi che l’attentato nella città irachena fu realizzato con un camion cisterna che lanciato a tutta velocità esplose davanti all’ingresso della base militare Maestrale, sede della MSU (multinational specialised unit). Da esso 28 furono i morti, di cui 19 carabinieri italiani e 9 iracheni, con una esplosione così violenta da distruggere completamente la base Maestrale.

Il Gen, Burgio era presente, seppur non ancora al comando della base Maestrale. Una volta assunta la carica, ha vissuto la ripresa e ricostruzione di una essenziale vita in loco e raccolto informazioni, studiato atti, rivissuto con la propria memoria quanto aveva assistito e ascoltato, realizzando in questo lasso di tempo lungo 20anni, un diario, quasi personale, pregno di emozioni, che vanno cercate con delicatezza in ogni singola parola.

L’opera del Comandante Burgio è volta anche a non dimenticare i Caduti che sono tutti figli, mariti, fratelli, militari, carabinieri, italiani; è altresì volta a non rendere vano un sacrificio, rivolgendo sempre un pensiero attento a chi aspetta a casa.

Segui la notizia anche su http://www.sferamagazine.it/nutrimente-cultura/aprilia-nassiriyah-dallattentato-alla-ricerca-della-verita-presentato-libro-del-gen-carmelo-burgio-evento-dellafaa/

Leggi la notizia

Cultura

Le Testa di Turco di Scicli: il dolce della Madonna delle Milizie

Barbara Conti

Pubblicato

il

Avete mai assaggiato una Testa di Turco?

Non preoccupatevi, non voglio spingervi a diventare cannibali perché la Testa di Turco di Scicli è un dolce tipico della pasticceria siciliana a base di acqua, strutto, farina e uova. Oggi vi parlo di un dolce tradizionale, unico per nome e aspetto, Le Teste di turco di Scicli (RG) dolce che si ispira al copricapo del turbante (tipico copricapo saraceno) legato alla Madonna delle Milizie, chiamato anche il dolce dei vinti

A Scicli, nota cittadina Iblea conosciuta per il suo patrimonio barocco, cittadina dell’UNESCO e nell’ultimo ventennio divenuta famosa come set de “Il commissario Montalbano”, il mese di Maggio è legato alla festa della Madonna a Cavallo, detta delle Milizie e al dolce devozionale, legato ad essa: la Testa di Turco.

Esistono tuttavia due versioni di questo dolce regionale siciliano: la Testa di turco di Scicli, a base di bignè cotta al forno e ripiena di crema e la Testa di Turco di Castelbuono che rientra nella categoria dei budini e dei dolci al cucchiaio, preparata a base di biancomangiare e sfoglie di cannolo
 base di acqua, burro, farina e uova,
La Testa di Turco di Scicli è simile ad un grande bignè ma circa tre volte più grande rispetto a quelli tradizionali, generalmente farcito con crema di ricotta o con crema pasticcera. Anche se oggi giorno le pasticcerie locali, propongono le teste di Turco di Scicli farcite nei modi più svariati, pistacchio, mascarpone o nutella. La Testa di Turco di Scicli era un dolce conventuale che anticamente veniva preparato dalle suore in convento.
Successivamente ad opera dei Monsù poi di un pasticcere Napoletano e poi ad opera di Giovannino Neri, la ricetta venne modificata e trasformata in quella che viene utilizzata dalla maggior parte dei pasticceri locali ancora ai nostri giorni. Per la realizzazione della testa di Turco non esiste uno stampo, il loro peso si aggira intorno ai 60-80 grammi vuoto e farcita può arrivare a pesare fino a 350 grammi

Ma perché la testa di turco si chiama così?

C’è chi dice che il nome TESTA DI TURCO sia in ricordo della sconfitta araba da parte dei normanni, che nell’undicesimo secolo conquistarono la Sicilia.

Le teste di turco sono legate all’antico ricordo della vittoria dei cristiani sui turchi nel 1091 ad opera di Ruggero d’Altavilla. La storia narra che proprio nei territori ragusani, a Donnalucata frazione balneare di Scicli, si svolse la battaglia tra Saraceni e Normanni. La battaglia terminò quando, nella piana di Donnalucata, intervenne in aiuto dei cristiani la Vergine dei Milici, la Madonna con la spada detta Madonna delle Milizie, comparsa in abito bianco e con la spada.

Per questo motivo, di recente durante le festività dedicate alla Vergine, la terza settimana di Maggio si può assaporare questo delizioso e soffice dolce strabboccante di crema alla ricotta.
Le Teste di Turco ricordano questa leggendaria battaglia. Secondo la tradizione, dopo la tentata invasione i turchi ritornarono a casa e prepararono un dolce a forma di turbante ripieno di ricotta, il dolce dei vinti.

La sagra delle Teste di Turco

Contestualmente ai festeggiamenti in onore della Madonna si svolge anche la Sagra delle Teste di Turco nella Piazza principale del paese, Piazza Italia.

Nella piazza principale del paese, le migliori pasticcerie di Scicli propongono il dolce delle Milizie nella versione tradizionale con la ricotta, zucchero e cannella. Originariamente questo dolce veniva cotto nel forno a legna, lo stesso in cuci si cuoceva il pane di pasta dura tipico ragusano, in apposite scatole di latta

Prossimamente all’università di Catanaia si terrà una lezione-conferenza che si concentrerà sul caso-studio del dolce sciclitano “Testa di Turco”, per mostrare come il cibo trascenda i limiti di tempo e luogo per servire come insieme identitario commemorativo.


Ricetta della Testa di turco di Scicli

Come si preparano questi dolci squisiti che nella forma ricordano i turbanti dei turchi?

Ingredienti per le teste di Turco

– 150 grammi di farina maiorca

– 150 grammi di strutto

– 350 millilitri di acqua

– 5 uova medie (5o medie)

Preparazione delle Teste di Turco di Scicli
Per la preparazione delle Teste di Turco di Scicli, il procedimento è lo stesso per la realizzazione dei bignè. 

In una casseruola versate l’acqua, il burro, il sale

Intanto che l’acqua bolle, setacciate la farina.

Quando l’acqua bolle togliete la cassseruola dal fuoco e aggiungete la farina.

Rimettetelo sul fuoco e mescolate con un cucchiaio di legno finché l’impasto non si stacca dalle pareti.

Toglietelo definitivamente dal fuoco, fate raffreddare per 10 minuti in una ciotola larga e aggiungete una per volta le uova aspettando che si assorbano uno alla volta, mescolando in modo da ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Rivestite una teglia con della carta da forno. Mettete l’impasto in una sac a poche e con la stessa fate dei cerchi concentrici  sulla carta formando una mezza dozzina di Teste di Turco grandi quanto un piattino da caffè.

Mettete in forno preriscaldato a 190° e fate cuocere le Teste di Turco per 15 minuti fino a quando non saranno dorate.
Lasciatele raffreddare in una latta per una notte e poi farcitele a vostro piacere.
La Testa di Turco classica di Scicli è farcita con crema di ricotta vaccina, zucchero e cannella.
Buon appetito

Leggi la notizia

Cultura

Pantelleria nella marcia per la legalità: istituzioni e studenti commemorano la strage di Capaci – foto

Direttore

Pubblicato

il

il 23 maggio scorso, il Comune di Pantelleria si è unito per ricordare la strage di Capaci e celebrare la Giornata della Legalità. Un evento toccante, arricchito dalla partecipazione delle associazioni locali, delle forze dell’ordine e degli studenti dell’Istituto Vincenzo Almanza.
Il corteo commemorativo è stato un momento di riflessione e di memoria, in cui tutti abbiamo potuto rendere omaggio alle vittime della mafia e rinnovare il nostro impegno per la legalità e la giustizia e la pace.

In questa occasione, abbiamo inaugurato un murales dedicato alla legalità, realizzato dall’artista Hira.

Quest’opera d’arte simboleggia il nostro impegno collettivo per un futuro migliore, libero da ogni forma di criminalità e di pace.
Grazie di cuore a tutte le persone e le organizzazioni che hanno partecipato e reso possibile questa giornata significativa. Insieme, continuiamo a costruire una comunità forte e unita, fondata sui valori della giustizia e della solidarietà.


© Clara Garsia 2024

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza