Segui i nostri social

Cultura

Pantelleria, orientamento universitario per i ragazzi dell’Istituto Almanza. Prof. Di Bartolo “Priorità strategica del paese”

Redazione

Pubblicato

-

Presso la sala conferenze del Plesso di Santa Chiara, si è svolta la Tavola rotonda “Dalla scuola all’università”, curata dal Polo Universitario di Trapani.

L’evento conclude il percorso di orientamento della durata di 15 ore, realizzato a seguito della stipula di apposita convenzione fra l’Università degli Studi di Palermo e l’Istituto di Istruzione Superiore “V. Almanza”, nell’ambito del PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA (PNRR) – MISSIONE 4 “Istruzione e ricerca” COMPONENTE 1 “Potenziamento dell’offerta dei servizi all’istruzione: dagli asili nido all’Università” INVESTIMENTO 1.6 “Orientamento attivo nella transizione scuola-università”. 

Destinatari le studentesse e gli studenti delle classi terze, quarte e quinte dell’Istituto Superiore “V. Almanza”.

I lavori hanno avuto inizio alle ore 9:30 con i saluti istituzionali del Dirigente Scolastico Prof. Fortunato Di Bartolo e della Vice Sindaco del Comune di Pantelleria, Prof.ssa Adele Pineda.

 Interventi:

Università: Opportunità e Prospettive – a cura del Prof.  Giorgio Scichilone, Presidente del Polo Universitario di Trapani.
I servizi del COT – Centro di Orientamento e Tutorato – a cura della Prof.ssa Cinzia Cerroni, delegata al coordinamento del COT dell’Università di Palermo.
L’Offerta Formativa del Polo Universitario Trapanese – a cura dei docenti delegati per l’orientamento dei corsi di laurea attivi sul  Polo Universitario di Trapani, tutti collegati in videoconfernza.
Le attività di orientamento sono proseguite nel pomeriggio dalle ore 15:00 alle ore 17:00: le studentesse e gli studenti hanno potuto partecipare attivamente ad attività laboratoriali tenute dalla Prof.ssa Cinzia Cerroni e dalla Prof.ssa Patrizia Cancemi, dell’Università degli Studi di Palermo.

 

L’incontro della Delegazione dell’Università di Palermo e Trapani con le studentesse e gli studenti della nostra isola è e stato fortemente voluto dal Dirigente Scolastico Prof. Fortunato Di Bartolo, che ha trovato nella Prof.ssa Monia Bonura, Dirigente Scolastica in dottorato di ricerca presso il Polo Universitario di Trapani, una “grande e straordinaria alleata”.

Sia la Vice Sindaco Prof.ssa Pineda che il Dirigente Scolastico Prof. Fortunato Di Bartolo, nei loro interventi, hanno sottolineato il fatto che per la prima volta una delegazione dell’Università di Palermo e Trapani si sia recata nella nostra isola per incontrare le nostre studentesse ed i nostri studenti, mettendosi a loro disposizione per una intera giornata, per illustrare la proposta formativa del Polo Universitario Trapanese e più in generale i servizi messi a disposizione dall’Università degli Studi di Palermo.

 

Il Dirigente Scolastico Prof. Fortunato Di Bartolo ha ricordato come il tema dell’orientamento scolastico è ritenuto ormai da tutti una priorità strategica del paese.

L’orientamento scolastico, a seguito del D.M. n. 328 del dicembre 2022 di adozione delle Linee Guida per l’Orientamento, si viene a delineare come un sistema strutturato e coordinato di interventi che, a partire dal riconoscimento dei talenti, delle attitudini, delle inclinazioni e del merito delle studentesse e degli studenti, li accompagni in maniera sempre più personalizzata a elaborare in modo critico e proattivo un loro progetto di vita, anche professionale.

In questo senso, l’impegno dell’orientamento inizia, sin dalla scuola dell’infanzia e primaria, quale sostegno alla fiducia, all’autostima, all’impegno, alle motivazioni, al riconoscimento dei talenti e delle attitudini, per favorire anche il superamento delle difficoltà presenti nel processo di insegnamento-apprendimento

I talenti e le eccellenze di ogni studentessa e di ogni studente, quali che siano, se non costantemente riconosciute ed esercitate, non si sviluppano, compromettendo in questo modo anche il ruolo del merito personale nel successo formativo e professionale.

 

L’orientamento costituisce perciò una responsabilità per tutti gli ordini e gradi di scuola, per i docenti, per le famiglie e i diversi attori istituzionali e sociali con i quali la studentessa / lo studente interagisce.

La scuola dunque viene chiamata a “non lasciare più da soli” le bambine ed i bambini, le alunne e gli alunni, le studentesse e gli studenti, nei momenti delle scelte, delle scelte importanti.

<< Ogni bambina o bambino, ogni alunna o alunno, ogni studentessa o studente che incontriamo sul nostro cammino ha dei punti di forza di cui spesso non è neppure consapevole.

Siamo noi docenti ed educatori che possiamo e dobbiamo sostenerli, per facilitare questa ricerca interiore.>>

Spettacolo

GANGI, PROTAGONISTA AL FILM FESTIVAL DI TAORMINA CON IL FILM “LA RIEDUCAZIONE” DI AURELIO GRIMALDI

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

E’ stato presentato domenica scorsa, al palazzo dei Congressi di Taormina, in occasione del Film Festival, “La rieducazione” di Aurelio Grimaldi, il film girato interamente dentro il carcere di massima sicurezza (mai utilizzato) di Gangi.

Alla presentazione (prima mondiale) del film assieme al regista Aurelio Grimaldi erano presenti gli interpreti: Tony Sperandeo, Elena Pistillo, Gino Bonanno e una comparsa, l’attore gangitano Agatino Magnifico.

Il film è stato prodotto da Arancia Cinema e racconta dei diritti dei detenuti in ottemperanza dell’articolo 27 della costituzione. Attore protagonista Tony Sperandeo che ha interpretato “il signor Salvatore” carcerato al 41bis condannato all’ergastolo per gravissimi crimini e omicidi mafiosi. Nei panni di un mite professore, uno psico-pedagogista che chiede di applicare il protocollo rieducativo per il detenuto, alias il mafioso Totò Riina, è stato lo stesso regista Aurelio Grimaldi.

Alla presentazione del film a rappresentare il Comune di Gangi è stata l’assessora Tiziana Ballistreri.

Il sindaco Giuseppe Ferrarello ha detto: “E’ stato un grande orgoglio, in occasione del Taormina Film Festival, vedere sul grande schermo impresso il nome di Gangi. Voglio ancora ringraziare il regista Aurelio Grimaldi per aver scelto di girare “La Rieducazione” nel nostro carcere di massima sicurezza (mai aperto), grazie anche alla produzione Arancia Cinema e a tutti gli attori e interpreti, alle maestranze e al nostro Agatino Magnifico che ha prestato il suo volto e la sua voce per il film”.

Leggi la notizia

Cultura

Pantelleria, il restaurato Macchi 205 con la carlinga d’autore: il M° Marco Mazzei

Direttore

Pubblicato

il

Marco Mazzei l’artista che “rifece” un pezzetto di storia della Regia Aeronautica. Il parziale restauro della fusoliera del monoplano militare

Tanto fascino porta in sè questo piccolo velivolo della Regia Aeronautica, abbattuto e disperso nell’acqua di Pantelleria nel 1943, a Mursia.
Molto stiamo scrivendo su di esso a partire dal recupero, per poi passare alla presentazione allo Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, in Roma, fino a giungere alla conferenza a Pantelleria dell’11 luglio scorso.

E’ la storia dell’antico velivolo se vogliamo, la cui ricostruzione ancora in essere vede coinvolti molti attori protagonisti, porta in sè diverse chiavi di lettura: quella meramente bellica del monoplano di cui si dota la Regia Aeronautica; quella di un uomo ardimentoso dalla storia incredibile, Alvise Andrich, che lascia con il suo velivolo l’Hangar Nervi per combattere nei cieli di Pantelleria; quella del coraggio e della passione nel riportare bullone per bullone ogni pezzetto in superficie che hanno avuto e continuano Antonello D’Aietti e  il Capitano di Corvetta Sebastiano Sgroi; quella di un’isola accudente nel mare come in terra di un brandello molto significativo di uomini volitivi e illuminati come il Colonnello Franco Linzalone e il Ten. di Vascello Antonio Terrone.

Ma uno dei protagonisti di questa storia, uno degli autori della ricostruzione che fornisce altre chiavi di lettura ancora non lo abbiamo menzionato, seppur il suo nome sia molto noto a Pantelleria e nel mondo dell’arte: Marco Mazzei.

Memori della sua istallazione di qualche anno fa sul Porto di Pantelleria di “Pesci”, gli abbiamo strappato una intervista. L’artista, Ambasciatore della Cultura di Pescara, si è generosamente concesso esordiendo: “E’ stata una esperienza bellissima!”.

Ma lei che è di Pescara, come arriva a Pantelleria? “Il mio collegamento con Pantelleria nasce con l’ex comandate della Capitaneria di Porto, Antonio Terrone, che era di stanza all’epoca nella mia città. Lui ha cominciato a seguire le mie “avventure artistiche” in tutto il mondo, iniziando con i “Pesci”. 
L’istallazione che avete a Pantelleria rappresenta un tassello di molte altre sparse in molti paesi della Terra. Adesso andrò a Varsavia e poi a Abudabi. Non fu facile portare l’opera sull’isola, ma poi il comandante prese in mano la situazione e fece sì che si realizzasse l’istallazione. 
Una volta giunto sull’isola sono tornato molte volte e giunto a fare la conoscenza dell’ambiente del distaccamento dell’aeronautica militare.”

Quindi, così, conosce il colonnello Linzalone e inizia il progetto?Infatti! Quando sono arrivato io, egli stava cominciando a pensare sul Macchi e mi aveva proposto la commissione per la ricostruzione della carlinga. Questa cosa mi riempiva di orgoglio”.

Quando ha iniziato a lavorare alla fusoliera e che materiale ha usato? “Un mese fa circa per rifare una memoria di una fusoliera, utilizzando un alluminio alimentare, lo stesso che ho usato per i “Pesci: esso è coperto da Decreto Ministeriale perchè compatibile con ambienti fragili. Infatti i miei lavori sono apprezzati anche perchè rappresentano l’arte che si preoccupa dell’ambiente.
Questo lavoro ha portato molte difficoltà, ma che si sono superate favorendo peraltro la costruzione di rapporti di amicizia con il colonnello e altri militari.”

Cosa le rimane di questa avventura con il Macchi 205? “Guardi, la prima cosa che ho pensato quando mi è stato proposto: “E adesso che faccio?” Non capita tutti i giorni di rivestire un aereo, no?! E poi consideri che i militari hanno un piano di percezione che non è artistico, ma di ricostruzione storica. 
Io ho aggiunto un piano di percezione che è più poetico armonico, è un racconto. Io poi mi sono confrontato con il Colonnello Linzalone, perchè è dotato di un occhio estetico notevole che mi è tornato utilissimo.”

Quindi questo mezzo progettato e nato per eventi infausti come una guerra, come la morte o la difesa della vita, è rinato con un trasporto artistico e quasi onirico che ci riporta da dove è partito all’Hangar Nervi, con una “Diversa chiave di lettura“. “Esattamente, l’aereo è partito dall’Hangar e non vi è più tornato. Il fatto che sia “poeticamente ritornato” solo in alcune parti fregiate da un segno artistico, ridà una vita che non ha mai avuto: quella di un’opera d’arte. Il Macchi, dunque, quando lo si guarda adesso, restituisce delle sensazioni particolari.”

Ed è così, il Macchi 205 attuale prende varie forme a seconda di cosa si cerchi e sono forme di storia, di vita, di poesia e di uomini come Mazzei, Linzalone, Terrone e altri che con esso hanno sognato, si sono impegnati, lasciando traccia indelebile sull’isola del loro energico passaggio.

Il M° ha lasciato ulteriormente la sua firma e la sua creatività con due opere molto significative 

Il Crocifisso

La bandiera italiana

Ora, non resta che approfittare degli open day che il distaccamento dell’Aeronautica Militare di Pantelleria organizza periodicamente in aeroporto, dai tempi e per volontà dell’ex comandante il Ten. Col. Francesco De Astis e acquisito a piene mani dall’attuale Franco Linzalone, conferendo una connotazione anche culturale che avvicina la popolazione alla storia e all’affasciante mondo militare, abbassando le barricate inespugnabili e mettendo in comunicazione la fazione civile con quella delle stellette sul bavero.

Può interessare: Pantelleria – Aeronautica Militare: visite guidate al Distaccamento Aeroportuale e Hangar Nervi

Per conosce le opere del M° Mazzei
https://drive.google.com/file/d/1MPvvD5b9pRcxgmLWOgWtm1CAZuvyFWvr/view
 https://www.instagram.com/marco_mazzei_artist

Leggi la notizia

Cultura

Pantelleria – Aeronautica Militare: visite guidate al Distaccamento Aeroportuale e Hangar Nervi

Redazione

Pubblicato

il

L’AERONAUTICA MILITARE APRE LE PORTE AL PUBBLICO: VISITE GUIDATE AL DISTACCAMENTO AEROPORTUALE DI PANTELLERIA ED ALL’HANGAR NERVI

Anche quest’anno, l’Aeronautica Militare di Pantelleria apre le proprie porte a tutta la popolazione su base regolare. Ogni mercoledì di Luglio ed Agosto, alle ore 10.00 sarà possibile effettuare un percorso guidato all’interno del Distaccamento Aeroportuale mirato alla conoscenza dei compiti della Forza Armata e della storia dell’aviorimessa protetta, conosciuta come “Hangar Nervi”. Sarà inoltre possibile visitare l’aerea espositiva ed il Macchi C.205 recentemente restaurato.

L’accesso all’installazione, in via Madonna della Margana 78, è consentito dalle ore 10.00 alle ore 10.15, solo tramite prenotazione al link sottostante fino al raggiungimento del limite dei 50 posti. La durata della visita è di circa 1h30.

Link di prenotazione: https://billetto.it/e/visite-hangar-nervi-biglietti-1052548?utm_source=organiser&amp;utm_medium=share&amp;utm_campaign=manage_visit&amp;utm_content=1

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza