Segui i nostri social

Ambiente

Pantelleria, oltre 12mila euro per 2 comunità energetiche rinnovabili

Redazione

Pubblicato

il

TUNITÁ DI RISPARMIARE PER I PANTESCHI, IN SPECIE ORA CHE IL COSTO DELL’ENERGIA È QUADRUPLICATO”

Il Dipartimento Energia della Regione ha assegnato al Comune di Pantelleria una somma di 12.566 euro per la costituzione di due Comunità Energetiche Rinnovabili, a seguito della partecipazione del Comune all’avviso approvato con Decreto del Dirigente Generale n. 707 del 10/06/2022.

Cos’è una comunità energetica?

Una Comunità Energetica Rinnovabile è un raggruppamento di utenti consumatori e produttori di energia da fonti rinnovabili che condividono l’energia prodotta, scambiandola tra loro.

Questo significa che chi non ha la possibilità di realizzare un impianto, può consumare l’energia elettrica da fonti rinnovabili, usufruendo dell’energia elettrica prodotta dagli impianti messi a disposizione da chi ha questa possibilità, risparmiando sui costi di acquisto dell’energia elettrica dalla rete.

Allo stesso tempo, i produttori di energia da fonti rinnovabili possono cedere l’energia in eccesso ai componenti della Comunità, condividendola.

Tutta l’energia elettrica autoconsumata dalla Comunità, riceverà un contributo dal GSE e i proventi saranno distribuiti all’interno dei partecipanti alla stessa.

Al momento, le Comunità Energetiche Rinnovabili sono regolate da un regime transitorio che pone alcuni limiti alle stesse. Ad esempio, chi fa parte di una Comunità Energetica, sia esso produttore che consumatore, deve essere connesso alla stessa cabina secondaria di distribuzione e la potenza complessiva degli impianti non può superare la potenza di 200 kW.

Con il recepimento della Direttiva europea RED II, tali limiti sono stati superati e pertanto gli appartenenti alla Comunità possono sottostare ad una cabina primaria, mentre la potenza degli impianti è stata elevata a 1 MW.

Perché queste modifiche siano efficaci, però, bisogna aspettare un Regolamento dell’ARERA che dovrebbe essere pubblicato a breve.

Grazie a queste novità, a Pantelleria sarà possibile realizzare Comunità Energetiche senza alcun limite territoriale, sempre nel limite di 1 MW di potenza degli impianti.

 

La possibilità di creare le Comunità Energetiche Rinnovabili è un’occasione da non perdere per Pantelleria, soprattutto in questo momento in cui il prezzo dell’energia elettrica ha raggiunto livelli impensabili solo qualche mese fa” dichiara l’Assessore all’Ambiente, Angelo Parisi.

Si pensi che nel mese di luglio il Prezzo Unico Nazionale ha superato il valore di 400 euro a megawattora, contro i quasi 100 dell’anno scorso, e che nei prossimi mesi non si prevedono valori più bassi. Questo si traduce in una tariffa di circa 350 euro a megawattora per le utenze domestiche e quasi 600 euro per le utenze non domestiche.”

“Speriamo che la Regione risponda in tempi brevi, così da avviare il prima possibile la costituzione delle due Comunità che sono state previste,” continua Parisi.”Queste saranno solo le prime due che si pensa di costituire a Pantelleria. Altre ne saranno previste utilizzando sia i fondi del Programma Isole Verdi che eventuali altri finanziamenti che potrebbero arrivare nei prossimi mesi.”

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ambiente

Ambiente – Contro cambiamento climatico: i morti come concime per campi e giardini. Dal 2027 al via compostaggio di defunti

Redazione

Pubblicato

il

Un modo per risolvere anche il sovraffollamento dei cimiteri, che rappresenta spesso e ovunque un grande problema

Secondo il National Geographic, le cremazioni negli Stati Uniti producono circa 360.000 tonnellate di anidride carbonica all’anno. Ora nell’ennesima mossa fatta in favore della lotta al cambiamento climatico, la California ha deciso di fornire un’alternativa alla cremazione. Dal 2027, infatti, i defunti potranno diventare concime per campi e giardini senza alcun danno per l’ambiente. 

La legge è stata proposta dalla deputata Cristina Garcia ed è stata firmata qualche giorno fa dal governatore democratico Gavin Newsom, secondo quanto riporta il Los Angeles Times. “Con il cambiamento climatico e l’innalzamento del livello del mare che ci minacciano, questo è un metodo alternativo di smaltimento che non inquina“, ha spiegato Garcia. Secondo Garcia, si tratta di un’alternativa ecologica più rispettosa e più economica delle tradizionali opzioni di fine vita. “Incendi, siccità estrema, ondate di calore ci ricordano che il cambiamenti climatico è in atto e dobbiamo fare tutto il possibile per limitare le emissioni di metano e anidride carbonica”, scrive in un tweet. “Quando abbiamo una bara e la mettiamo nel terreno, ci sono molte sostanze chimiche che vengono rilasciate e spesso finiscono nella nostra acqua. Quando facciamo la cremazione ci sono molte emissioni di carbonio”, ha detto Garcia. 

Nel nuovo procedimento, chiamato riduzione organica naturale (NOR), il corpo viene scomposto nel suolo. Prevede che il corpo del defunto sia messo in un contenitore d’acciaio e sepolto a circa 2,4 metri di profondità circondato da materiali biodegradabili come trucioli di legno. Il contenitore deve essere aerato per consentire la crescita di microbi e batteri. Il processo di decomposizione dovrebbe completarsi in 1 o 2 mesi. 

Quel suolo composto dall’uomo può quindi essere restituito alla famiglia del defunto che può metterlo dove vuole o utilizzarlo come concime. “Le regole sono identiche a quelle dei resti cremati”, ha detto Micah Truman, fondatore e CEO di Return Home, un’impresa USA di pompe funebri specializzata nel compostaggio umano.  

La California si unisce così ad altri quattro stati degli USA che consentono il compostaggio umano, ossia Washington, Colorado, Oregon e Vermont.  

Di Beatrice Rallo su Meteoweb.it

Leggi la notizia

Ambiente

Pantelleria, calendario distribuzione acqua Rekhale per settembre 2022

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

Calendario distribuzione acqua Rekhale Settembre 2022

 

Si informano gli utenti della contrada di Rekhale che l’erogazione dell’acqua nel mese di Settembre 2022 rispetterà il seguente calendario, salvo imprevisti o problemi tecnici che saranno tempestivamente comunicati.

Data Zona servita
Domenica 25 Settembre 2022 C/da Rekhale – Via Nika’
Lunedì 26 Settembre 2022 C/da Rekhale Via del pino – Via Maccotta
Martedì 27 Settembre 2022 Rekhale – Cuddia Attalora – Via Favarelle
Mercoledì 28 Settembre 2022

Via Ziton Di Rekhale

Giovedì 29 Settembre 2022 Scauri – Karebi

Per problematiche o informazioni inerenti il servizio  rivolgersi alla Ditta Pirreca Maurizio al n°389/1120697

D’ Ordine del Responsabile del Settore II
Geom. Salvatore Gambino
F.to Rossana Pucci

Leggi la notizia

Ambiente

Pantelleria, dal 4 al 6 ottobre Energy Academy di Clean Energy for EU Island, il workshop sull’energia eolica

Redazione

Pubblicato

il

Con il Patrocinio del Comune di Pantelleria, l’annuale appuntamento con il workshop internazionale del Segretariato tratterà in particolare l’energia eolica e gli aspetti normativi riguardanti la produzione di energia rinnovabile

Dal 4 al 6 ottobre 2022, si terrà a Pantelleria l’Italian Energy Academy del Segretariato Energia Pulita per le isole dell’UE (Clean Energy for EU Islands Secretariat), presso l’Aula Consiliare, con il Patrocinio del Comune di Pantelleria.

Il Segretariato è un’iniziativa della Commissione Europea e rappresenta la piattaforma centrale per la transizione verso l’energia pulita delle oltre 2.200 isole abitate europee. Nonostante abbiano accesso a fonti di energia rinnovabili, come l’energia eolica e delle onde, molte di queste, tra cui Pantelleria, dipendono dalle costose importazioni di combustibili fossili per l’approvvigionamento energetico.

L’Energy Academy è organizzata dal Segretariato per la transizione energetica delle isole europee insieme al MOREnergy Lab del Politecnico di Torino.

Si tratta di un workshop annuale che si tiene ogni volta su una diversa isola del Mediterraneo e quest’anno avrà luogo proprio a Pantelleria, avendo come oggetto le isole italiane. L’idea è quella di aiutare gli isolani a selezionare, valutare, eseguire e comunicare sui progetti di transizione energetica attraverso una serie di sessioni dell’Energy Academy.

Durante questa edizione dell’Energy Academy si potrà apprendere di più sugli attuali sviluppi della transizione energetica dell’isola di Pantelleria, in particolare sull’energia eolica, sul quadro giuridico per la produzione di energia rinnovabile e sull’efficienza energetica, compreso il concetto di comunità energetiche.

Il sito web del Segretariato delle isole funge da centro per mostrare le best practices delle isole, fornisce informazioni su questioni politiche e normative per le comunità insulari europee e fornisce consulenza dedicata per lo sviluppo delle capacità e la transizione verso l’energia pulita.

Tramite una serie di eventi, il Segretariato ambisce a supportare le comunità delle isole europee nell’identificare, valutare e pubblicizzare progetti inerenti alla transizione energetica.

Saranno presenti autorità nazionali e regionali, nonché con esperti di energia e tecnici che testimonieranno i progressi di altri Paesi europei insulari.

Il programma dettagliato dei lavori è disponibile al link: https://drive.google.com/file/d/1KukWexWV5dmYdrpdRgrjsmOmbDSmwFcQ/view

 

Per partecipare al workshop in presenza e prendere parte al percorso verso la transizione energetica in Italia, basta iscriversi a questo link: https://ec.europa.eu/eusurvey/runner/Energy_Academy_Italy entro e non oltre il 2 ottobre 2022. La partecipazione è gratuita.

 

I lavori del workshop si potranno seguire anche in diretta per tutto il giorno sulla Pagina Facebook del Comune di Pantelleria e sul canale YouTube dell’Assessorato alla Comunicazione ai link:

Parte 1, mattina: https://www.youtube.com/watch?v=ayJrwSmbyco

Parte 2, pomeriggio: https://www.youtube.com/watch?v=7O2IkuDH67o

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency