Segui i nostri social

Spettacolo

Pantelleria – Eventi, ecco i QRcode per accedere al programma e per orari autobus estivi

Redazione

Pubblicato

-

Il Comune di Pantelleria ha fatto realizzare dei QRcode per accedere agli eventi e agli orari degli autobus per questa estate 2022.

 

Scaricando sullo smartphone l’apposito applicazione del lettore e centrando l’immagine potrete accedere liberamente alle pagine interessate.

 

Infatti, codice QR è un codice a barre bidimensionale, ossia a matrice, composto da moduli disposti all’interno di uno schema bianco di forma quadrata, impiegato in genere per memorizzare informazioni destinate a essere lette tramite un apposito lettore ottico o anche smartphone.

 

Per gli eventi

 

 

Per gli orari autobus

 

Personaggi

Messina, al Multisala Apollo il docufilm “Finding Marta” la musa di Pirandello interpretata da Margherita Peluso

Redazione

Pubblicato

il

Margherita Peluso e Marta Abba la musa di Pirandello

Due donne, due storie di vita e la Sicilia nel cuore

 

È iniziata qualche anno fa per concludersi in primavera la lavorazione del film documentario “Finding Marta” che racconta di Marta Abba, la musa ispiratrice di Luigi Pirandello.

L’anteprima nazionale si è svolta lo scorso 16 maggio presso il Teatro Luigi Pirandello di Agrigento dove è stato proiettato il docufilm che ha riscosso tanto successo e molta curiosità.

Prossimo appuntamento è il 14 giugno (ore 20.30) presso la Multisala Apollo di Messina. Alla proiezione del docufilm saranno presenti in sala il regista, l’attrice protagonista Margherita Peluso e la crew artistica del film.

 

“Sono sempre in mezzo a quell’inferno roseo della mia casa e a quell’inferno rosso che c’è dentro di me. Non riesco mai ad avere un po’ di tranquillità. Sono passati questi giorni senza che io potessi prendere un respiro per me, camminare per me, guardare per me nulla, nulla, nulla. Chissà se domani ne avrò l’umore”. È la voce fuori campo: femminile, ferma, decisa.

Come uno storico ripercorre le carte d’archivio, così l’attrice Margherita Peluso percorre, sul filo delle sensazioni e delle emozioni, un voyage temporale su un tragitto cartaceo, ovvero un articolato percorso tracciato da un lungo e corposo scambio epistolare (1925-1936) tra Marta Abba (attrice di origini milanesi, nata nel 1900) e l’allora già famoso drammaturgo Luigi Pirandello che di Marta apprezza il grande talento artistico, ma anche la straordinaria bellezza. Tra i due comincia così un rapporto professionale, un sodalizio artistico, che si concluderà alla fine del 1936, con la morte del Premio Nobel.

In oltre un decennio Marta Abba e il suo “Maestro” si scambieranno oltre 800 lettere, conservate in parte a Roma (presso l’Istituto di Studi Pirandelliani), in parte presso la biblioteca dell’Università di Princeton (New Jersey), cui l’attrice, ormai ottantenne, donò tutto il carteggio, rivelando al mondo il tormentato rapporto con Pirandello.

Su tale intricato mosaico di temi affettivi e letterari, che fotografano personaggi e raccontano storie di vita, ruota la caleidoscopica dimensione del docufilm “Finding Marta. Un film sulla Musa di Pirandello”, del regista Lorenzo Daniele, prodotto da Fine Art Produzioni srl, con il sostegno della Regione Siciliana–Sicilia film Commission, scritto da Alessandra Cilio; con la partecipazione di Annamaria Andreoli, David J. Diamond, Pietro Frassica, Lucia Sardo. Oltre a Margherita Peluso, nel film compaiono il regista australiano Laurence Strangio e gli attori siciliani Davide Sbrogiò e Mauro Italia. La lavorazione del docu-film ha avuto una durata di quasi due anni, tra ricerche bibliografiche, scrittura del testo, sopralluoghi, shooting e montaggio. I luoghi di ripresa sono stati la Sicilia, Roma e gli USA.

Il plot narrativo del film è quello della ricerca: Margherita è una attrice che ripercorre le orme di Marta, tra Sicilia, Italia, Stati Uniti. E proprio la Sicilia è il punto di partenza, ma anche il punto di arrivo. L’Isola fa da protagonista in questo film, è un luogo dell’Anima per Margherita, è la terra del Maestro di Marta. In questo percorso intimo e personale c’è tutto il senso di questa storia che è raccontata con uno stile piano e narrativo, un reportage che accende i riflettori su una donna dal carattere forte e deciso.

Margherita Peluso con i suoi occhi vivaci, sguardo sbarazzino ma deciso. Intraprendente e ottimista, possiede una grande voglia e capacità di fare che si sposa benissimo col suo sorriso. È nata a Milano ma può considerarsi siciliana per quella zona sud-orientale dell’Isola di cui è impregnato parte del suo Dna ereditato dal padre di origini modicane. L’odore e i ricordi della casa dei nonni paterni l’hanno sempre guidata nel suo percorso artistico come una sorta di memoria fossile che emerge dirompente dalle pieghe della vita. Educazione teatrale, arte partecipativa e comunicazione sono le coordinate che l’hanno da sempre accompagnata. Grande vocazione per la recitazione ed una vita vissuta sempre in scena dove esiste solo il presente. A ciò è necessario aggiungere un mix di competenze acquisite nel tempo, ovvero performer, autrice e regista. Nel 2002 è stata allieva del maestro Kuniaki Ida presso l’Accademia internazionale di Jacques Lecoq. Successivamente continua la propria formazione con Emma Dante e Mamadou Dioum, allievo di Peter Brook. Nel 2010 a Los Angeles studia con l’attrice Gloria Gifford. Ottima promotrice dell’italianità all’estero. Versatilità nella recitazione, originalità spontanea che varca la dimensione dei sensi e “Premio alla modicanità” (nel 2019).

Margherita Peluso e Marta Abba. Cosa hanno in comune? “Studiando l’epistolario e, soprattutto, sul set mi sono talmente immedesimata in Marta da poter dire di condividere con lei molte cose: è una attrice di teatro e di cinema, è milanese, e – come me – ha un legame con la Sicilia, lavora spesso negli USA e all’estero; ma soprattutto, vive la sua carriera di attrice teatrale come una vocazione, un sacrificio all’Arte irrinunciabile. La storia di Marta Abba mi ha dato quella spinta maggiore di poter lavorare su un progetto grande e internazionale. E così, dando voce a Marta mi sono resa conto che avrei dato voce non solo alla mia storia ma alle storie di tante donne artiste che vivono in Italia e che ancora non riescono a prendere questo cammino come un vero mestiere”.

Giuseppe Nativo

Leggi la notizia

Personaggi

M° Riccardo Muti: “L’orchestra è come la società”, il vip di Pantelleria così al Governo

Direttore

Pubblicato

il

Muti conclude “Se c’è un impedimento alla musica quello è il direttore d’orchestra!”

Al concerto presso l’Arena di Verona, Riccardo Muti a chiusura, si è rivolto alla platea eccelsa di politici e governatori italiani tra cui il Presidente della repubblica Sergio Mattarella, la Presidente del Governo Giorgia Meloni, il Presidente del Senato Ignazio La Russa.
A costoro e a tutti gli astanti ha dato una lectio magistralis di vita e di politica.

Il direttore d’orchestra napoletano, con la sua capacità di sintesi e di parola, ha così espresso il concetto di società, da assimilarsi ad una orchestra, dove ciascun elemento, violini, fiati, etc. hanno il proprio compito spesso indipendente, ma che “contribuisce ad un unico interesse quello dell’armonia di tutti.”

L’artista, innamorato di Pantelleria e vip residenziale in quel del Kafaro, nella vallata muta e aggraziata in uno dei crateri dell’isola, ha poi concluso il suo intervento e il concerto asserendo con vigore e passione “Se c’è un impedimento alla musica quello è il direttore d’orchestra!”

L’epilogo della serata veronese ha fatto il giro del web in men che non si dica, diventando virale e acclamato dai più.

In copertina frame da video

Leggi la notizia

Spettacolo

Gangi, carcere di massima sicurezza diventa set del film “Il depistaggio” di Grimaldi

Giovanni Di Micco

Pubblicato

il

GANGI, IL CARCERE DI MASSIMA SICUREZZA (MAI UTILIZZATO) SET DEL FILM IL DEPISTAGGIO DI AURELIO GRIMALDI

Gangi, 07 Giugno 2024

Il carcere di Gangi per un giorno è stato il set cinematografico del film “Il depistaggio” di Aurelio Grimaldi. Ancora una volta il regista siciliano ha scelto quello che doveva essere un carcere di massima sicurezza (mai attivato) come location per girare i suoi film d’inchiesta.

Il depistaggio parla della strage di via D’Amelio ed è prodotto dalle società Movie 4.0 e Arancia cinema. Nel film si ricorda la figura di Paolo Borsellino e insieme la dignità e la forza d’animo delle sue figlie Fiammetta e Lucia e del figlio Manfredi. E il coraggio del nuovo procuratore di Caltanissetta Sergio Lari che ha riaperto le indagini e smontato punto per punto il lavoro dei suoi colleghi che lo avevano preceduto. Tra i protagonisti del film: Tuccio Musumeci, Nino Frassica, Tony Sperandeo, David Coco, Maurizio Marchetti, Lucia Sardo e Francesca Ferro, figlia d’arte, (papà Turi è stato un grande attore siciliano). Tra le scene girate nel carcere di Gangi, in due corridoi e nelle docce, il pestaggio in cella di Vincenzo Scarantino, interpretato dal giovane e bravo attore palermitano Vittorio Magazzù. Altre scene girate anche con Andrea Tidona attore che ha vinto il Nastro d’Argento come miglior attore non protagonista (2004), tra i suoi film più conosciuti la miniserie “Il capo dei capi” dove ha interpretato Giovanni Falcone.

“Ringrazio il regista Aurelio Grimaldi – ha detto il sindaco Giuseppe Ferrarello – per aver scelto ancora una volta il nostro carcere (mai utilizzato) come set di un film importante, la struttura è di proprietà comunale, un luogo unico che si presta bene a girare scene all’interno di un penitenziario infatti è già la quarta volta che ospitiamo produzioni cinematografiche”.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza