Segui i nostri social

Sociale

Pantelleria – Coop. Agorà, giornata di allenamento al nuoto per i bambini al Gadir

Direttore

Pubblicato

-

La Cooperativa Sociale Agorà ha effettuato una giornata di allenamento al nuoto per bambini a
Gadir (Pantelleria), con la presenza dell’A.P.S. “Pantelleria Rescue” (affiliata alla Federazione Italiana
Salvamento Acquatico).

Il 18 luglio 2023, la Cooperativa Sociale Agorà ha organizzato a Gadir (Pantelleria – TP) una mattinata di
allenamento di nuoto a mare per i bambini che stanno facendo il campo estivo presso la loro struttura.
L’A.P.S. Pantelleria Rescue ha supportato la mattinata a Gadir con la presenza di un Assistente Bagnanti
della FISA (Federazione Italiana Salvamento Acquatico).

La Cooperativa Sociale Agorà, è nata nel Veneto, e negli ultimi anni è operativa anche negli aspetti sociali
dell’Isola di Pantelleria. Nella mattinata del 18 luglio a Gadir, era presente il Presidente della Cooperativa e
l’Istruttore di nuoto Franco Bizzotto che ha seguito l’allenamento dei bambini. Nello staff della Cooperativa
erano presenti anche i ragazzi dei P.C.T.O. che la Cooperativa sta effettuando con l’Istituto
Omnicomprensivo V. Almanza.

L’A.P.S. Pantelleria Rescue, si occupa a Pantelleria e nella Provincia di Trapani di addestrare le figura
professionali di “Assistenti Bagnanti”. Figura professionale che si speri torni nei prossimi anni sulle coste
pubbliche pantesche per la salvaguardia e la sicurezza a mare. Il 18 luglio a Gadir, il Presidente
dell’Associazione e Maestro di Salvamento Fulvio Fonseca è stato presente per monitorare la sicurezza
delle attività di allenamento e ricreative dei bambini (e dei bagnati presenti). Anche l’Associazione si occupa
di organizzare i P.C.T.O. con l’Istituto Omnicomprensivo “V. Almanza”.

Per chi necessiti informazioni relative ai campi estivi per bambini può contattare la Cooperativa Sociale
Agora al 3351323147 (Franco);
Per chi necessiti informazioni relative ai corsi d’assistente bagnati presso la Provincia di Trapani può trovare
i riferimenti presso il sito internet: https://www.geopantelleria.it/dicono-di-me  https://www.pantelleriarescue.it/ e
https://www.fisasalvamentoacquatico.it/

DIDASCALIA FOTO: I ragazzi che hanno partecipato all’evento del 18 luglio 2023. Al centro (in piedi con la
maglietta viola) il Presidente della Cooperativa Sociale Agorà Franco Bizzotto. Con la maglietta rossa di
“Salvataggio” il Presidente dell’Associazione Pantelleria Rescue.

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Cultura

Pantelleria e la Street Art per la legalità di Hira. Che ve ne pare?

Direttore

Pubblicato

il

TREET ART PANTELLERIA PER LA LEGALITÀ
Realizzazione del Murale con l’Artista Hira: “Street Art in Memoria di Uomini e Idee Coraggiosi”
Questo progetto si inserisce nel più ampio contesto della promozione della legalità e del bene comune, utilizzando la street art come strumento di sensibilizzazione e coinvolgimento attivo della comunità.
In questa iniziativa, gli studenti dell’Istituto V. Almanza sono stati protagonisti di un’esperienza formativa. Attraverso attività di volontariato e attivismo, i ragazzi hanno potuto partecipare direttamente alla creazione del murale, imparando l’importanza della legalità e del lavoro di squadra per il bene comune.
Il murale non è solo un’opera d’arte, ma un simbolo di resistenza e memoria, volto a ricordare a tutti noi il valore di chi ha lottato per un mondo migliore. Ringraziamo l’artista Hira, TVB – Territorio Volontariato Bene Comune e tutti i volontari che hanno reso possibile questo progetto, certi che lascerà un segno indelebile nella nostra comunità.
Invitiamo tutti i cittadini a venire a vedere il murale

Leggi la notizia

Sociale

Cracolici: “Il 23 maggio 1992 è iniziata la riscossa contro le mafie della società civile”

Redazione

Pubblicato

il

Palermo, 23 maggio – “La mafia 32 anni fa ha lanciato la sfida più alta allo Stato, uccidendo Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, e gli agenti Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Vito Schifani. Ma da quel giorno è partito da Palermo un movimento di riscossa che ha portato la società civile a reagire e far reagire tutta Italia. Per questo la mafia non ha vinto, anche se ancora c’è molto da fare e con la Commissione siamo impegnati nel costruire un’antimafia sociale sui territori per rendere permanente quell’onda emotiva che ha fatto muro contro la mafia”.

Lo ha detto Antonello Cracolici, in occasione del 32esimo anniversario della strage di Capaci.

 

 

Leggi la notizia

Sociale

Capaci, seduta straordinaria della commissione Antimafia con autorità e cittadini

Redazione

Pubblicato

il

 

Cracolici: “Da qui è partito un movimento di reazione civile, a noi il compito di rendere impegno permanente”

 

 

Capaci, 21 maggio – Una seduta straordinaria della commissione Antimafia all’Ars in piazza, aperta alla cittadinanza, per rilanciare un impegno corale: è il senso dell’incontro organizzato a Capaci, dal presidente Antonello Cracolici, 32 anni dopo la strage dove furono uccisi Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani. “Il 23 maggio 1992 subito dopo la strage di mafia è partito da qui un movimento di reazione civile contro la mafia che si è esteso poi a tutta l’Italia – ha detto Cracolici – oggi non vogliamo celebrare solo un ricordo ma costruire una memoria attiva con i Comuni, avamposto di legalità, qui presenti con i sindaci della città metropolitana di Palermo. Con la commissione stiamo cercando di costruire un argine al tentativo di condizionamento delle mafie, che sono ancora potenti nei traffici illeciti e si infiltrano nel sistema economico e istituzionale. Oltre agli strumenti repressivi serve un impegno sul territorio che vada oltre quell’indignazione che 30 anni dopo si è attenuata. Ora a noi il compito di rendere quell’impegno permanente. La battaglia è isolare i boss nelle nostre comunità e combatterli sul piano reputazionale, togliendo loro il consenso di cui hanno goduto finora”. A questa seduta straordinaria hanno partecipato anche le presidenti della commissione Antimafia del consiglio regionale della Campania e della Lombardia, il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, il sindaco di Palermo Roberto Lagalla e i sindaci dei comuni della città metropolitana di Palermo e tanti cittadini comuni che hanno riempito la piazza di Capaci. “Era molto importante essere qui per essere compatti in una battaglia che ci unisce da Nord a Sud”, ha detto Paola Pollini, presidente della commissione Antimafia del consiglio regionale della Lombardia. “La Campania è presente – ha detto la presidente Carmela Rescigno – per testimoniare l’impegno di una commissione che mette in campo strategie creando giuste sinergie istituzionali”. “Credo sia la prima volta che una commissione parlamentare vada in una piazza a parlare con i cittadini e a confrontarsi – ha detto il sindaco di Capaci, Pietro Puccio – Il 23 maggio 1992 è stato uno spartiacque: subito dopo la strage tutti abbiamo preso coscienza che la mafia è il cappio al collo per lo sviluppo della Sicilia”.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza