Segui i nostri social

cronaca

Pantelleria, concluso primo corso assistente bagnanti F.I.S.A.

Redazione

Pubblicato

-

Si è concluso il 30/09/2021, con l’esame finale, il primo corso di assistente bagnanti organizzato dalla delegazione F.I.S.A. (“Federazione Italiana Salvamento Acquatico”) di Pantelleria (tramite l’associazione affiliata “Pantelleria Rescue”).

A conseguire l’agognato traguardo del brevetto da Assistente Bagnante, sono stati 4 prestanti ragazzi e 2 ragazze che si sono distinti nelle dure prove d’esame. Il brevetto di assistente bagnante rappresenta un’importante certificazione sia per chi vuole affrontare nuove sfide ed ampliare le proprie conoscenze, sia per i giovani che si avvicinano al mondo del lavoro. Infatti, il brevetto di assistente bagnanti, oltre a consentire la possibilità di lavorare quale bagnino presso le strutture balneari permette di maturare un punteggio incrementale nella maggior parte dei concorsi pubblici per l’accesso alle Forze Armate.

Il delegato locale della Federazione Italiana Salvamento Acquatico Dott. Fulvio Fonseca si è detto molto soddisfatto dei suoi ragazzi che, dopo il corso di preparazione, hanno brillantemente superato sia la prova teorica relativa alle conoscenze sulle ordinanze della Capitaneria di porto, sulle tecniche di rianimazione cardio polmonare e BLS sia quella pratica incentrata sulle tecniche di voga, nuoto e salvamento acquatico.

Tutto questo dinanzi alla commissione composta dal Com.te e da un sottufficiale dell’ufficio Circondariale marittimo di Pantelleria e dal Dott. Greco Salvatore.

Un ringraziamento particolare va effettuato alla popolazione pantesca ed alle strutture che hanno supportato il corso, quali l’Hotel Village Suvaki, l’Hotel Mursia, L’Agriturismo Zibibbodoro, il Green Divers e l’associazione “Centro Culturale Vito Giamporcaro”.

Auguriamo ai nuovi brevettati vento in poppa per una carriera ricca di soddisfazioni!

Ambiente

Pantelleria, secondo distacco elettricità per il 21 giugno

Direttore

Pubblicato

il

Un nuovo distacco di energia elettrica ci viene comunicata dalla Società SMEDE,

Dopo la comunicazione relativa sempre al giorno venerd’ 21 giugno che vedrà coinvolte molte vie di Pantelleria centro, nella stessa giornata è stato programmato in queste ore la sospensione di energia elettrica anche in contrade come Monte Croce, Kazzen e altre.

L’avviso ricevuto

Può interessa:  Pantelleria, interruzione energia elettrica per il 21 giugno. Ecco dove

Leggi la notizia

Ambiente

Pantelleria, interruzione energia elettrica per il 21 giugno. Ecco dove

Direttore

Pubblicato

il

Per motivi di servizio, la società SMEDE ha programmato il distacco di energia elettrica in diverse vie di Pantelleria centro

Leggi la notizia

Cultura

Parchi, fondi del Pnrr per catalogazione e tutela. Scarpinato: «Musei a cielo aperto da proteggere»

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Oltre 45mila euro per catalogare e rigenerare 151 piccoli siti culturali, religiosi e rurali

 Presidenza della Regione
Sono 151 i parchi e i giardini storici della Sicilia, pubblici e privati, che saranno inseriti nel Catalogo nazionale che il governo sta realizzando con i fondi del Pnrr, per accrescere la conoscenza scientifica di questo patrimonio naturale e promuovere azioni di valorizzazione e tutela. A questo scopo, la giunta regionale ha dato il via libera allo schema di accordo tra il ministero della Cultura e la Regione Siciliana per l’intervento di ricognizione e catalogazione digitale, finanziato con 45.300 euro di fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Missione 1 – Componente 3 – Misura 2 “Rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale, religioso e rurale”).

A occuparsene sarà l’assessorato regionale dei Beni culturali e dell’identità siciliana, attraverso l’omonimo dipartimento. «Attraverso questa iniziativa – dice l’assessore Francesco Paolo Scarpinato – interveniamo a tutela di un patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico di assoluta rilevanza. I parchi e i giardini pubblici sono veri e propri musei a cielo aperto e spesso ospitano “monumenti viventi” che, a causa dei più recenti cambiamenti climatici, sono caratterizzati da una strutturale fragilità che dobbiamo conoscere e studiare approfonditamente per poterla affrontare». L’intervento del Pnrr prevede la digitalizzazione degli elementi raccolti, con l’obiettivo di rafforzare le competenze specialistiche di gestione e manutenzione di parchi e giardini storici, a supporto delle amministrazioni locali. Il progetto dovrà essere concluso entro il 30 dicembre 2025.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza