Segui i nostri social

Trasporti

Pantelleria – Autobus, nuovo orario da settembre 2023

Direttore

Pubblicato

-

Trasporto Pubblico - Autobus Pantelleria

E’ pubblico il nuovo orario dei trasporti tramite autobus, per tutto il territorio di Pantelleria, valevole da domani 13 settembre 2023.

In linea di massima i percorsi saranno come di seguito riassunti, per fermate maggiori.

Con Capolinea Pantelleria centro fino a Capolinea Tracino, passando per Campobello, Spadillo e Khamma.

Con Capolinea Bugeber fino a Capolinea Pantelleria Centro

Con Capolinea Rekhale, passando per Scauri, fino a Pantelleria Centro.

Con Capolinea Pantelleria fino ad aeroporto.

Ecco l’orario completo e ufficiale

Scarica l’orario in formato pdf al seguente link: documento – doc12198220230911115154

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trasporti

Una coppia di Palermo riceve 500 euro per volo in ritardo Ryanair Trapani Malta

Redazione

Pubblicato

il

Il volo Trapani Malta ha portato un ritardo di oltre 7 ore, cambiando tutti i piani previsti in precedenza. Anziché atterrare alle 08:10, come previsto, il volo è giunto all’aeroporto di Malta solamente alle 15:30

Un ritardo di oltre sette ore per una coppia di Palermo, avvenuto il 2 giugno 2023, che ha portato non pochi disagi ai due viaggiatori e ad altri passeggeri del volo. Sulla questione è intervenuto il Giudice di Pace di Trapani, che, pochi giorni fa, ha disposto che Ryanair dovrà effettuare il pagamento di 500 euro nei confronti dei due passeggeri. «Il Giudice di Pace di Trapani – commentano da ItaliaRimborso, che ha fornito supporto ai passeggeri – ha applicato il Regolamento Comunitario 261/2004, che tutela i passeggeri aerei anche in casi di ritardo aereo.

Oltre le tre ore di ritardo, infatti, i passeggeri possono richiedere la compensazione pecuniaria. Nella fattispecie non vi erano circostanze di sciopero o di condizioni meteo avverse che incidessero sulla rotta aerea». ItaliaRimborso punta a far valere i diritti dei viaggiatori ed ancora una volta ha ricevuto una sentenza accolta, accaduto come il 98,1% dei casi.
Per attivare l’assistenza, senza alcun prezzo per il passeggero, è possibile farlo agevolmente, compilando il form presente nell’homepage del sito italiarimborso.it .

Leggi la notizia

Spettacolo

Taormina Film Festival, presentazione treno speciale Roma-Sicilia

caterina murana

Pubblicato

il

Presidenza della Regione
 

Il Taormina Film Festival, che quest’anno celebra la 70° edizione dal 12 al 19 luglio 2024, e Intercity, Main Partner del Festival, hanno presentato questa mattina uno speciale Intercity di Trenitalia, società capofila del Polo Passeggeri del Gruppo FS, brandizzato totalmente sia all’esterno che all’interno,con i ritratti degli attori e dei registi nazionali e internazionali più celebri: una “hall of fame” viaggiante, per ricreare la magia del grande schermo anche sulle rotaie.

Al binario 25 erano presenti Stefano Cuzzilla, presidente Trenitalia, Sergio Bonomo,  commissario straordinario Fondazione Taormina Arte Sicilia, Elvira Amata, assessore Turismo, Sport e Spettacolo Regione Siciliana, Domenico Scida, direttore business Intercity Trenitalia, Marco Müller, direttore artistico Taormina Film Festival, Gianna Fratta, direttrice artistica Fondazione Taormina Arte Sicilia, per festeggiare un sodalizio che ha il preciso obiettivo comune di promuovere il cinema, la cultura, l’arte e il turismo.

A varare il primo treno, con il suo brio e la sua vivacità, sarà l’attrice, scrittrice e produttrice Chiara Francini, che quest’anno presenterà al Taormina Film Festival la sera del 19 luglio alle 21 sul palcoscenico del Teatro Antico, una versione teatrale/multimediale di L’amore segreto di Ofelia, pièce del noto drammaturgo e attore cinematografico Steven Berkoff per la regia di Luigi De Angelis.

Elvira Amata, assessore regionale a Turismo, sport e spettacolo della Regione Siciliana, commenta così: «Un’ulteriore occasione di significativa promozione del Taormina Film Festival che si aggiunge alla stretta sinergia già avviata con Trenitalia e che – sono certa – contribuirà a regalare emozioni suggestive ai viaggiatori, implementando sempre più, attraverso nuovi strumenti immersivi, la valorizzazione del segmento cinematografico sul quale l’Assessorato continua costantemente a rafforzare ogni utile e proficua azione».

Il treno collegherà Roma e la Sicilia a partire dalla prima settimana di luglio, fino a settembre. A bordo, gli interni dei vagoni sono decorati con ulteriori scatti e con i colori e le grafiche della mostra, creando un’esperienza immersiva per i passeggeri. Durante il tragitto, le due carrozze si separeranno al momento dell’attraversamento dello Stretto di Messina, prendendo direzioni diverse con mete finali a Palermo e Siracusa, come a voler diffondere l’arte cinematografica nel modo più ampio possibile. Attualmente sono 4 gli Intercity Giorno e 6 gli Intercity Notte che arrivano quotidianamente in Sicilia, garantendo accessibilità e continuità territoriale con una delle operazioni di trasporto intermodale più affascinanti in Europa.

Il Taormina Film Festival è promosso dall’assessorato del Turismo, dello sport e dello spettacolo della Regione Siciliana e organizzato dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia con il sostegno della Sicilia Film Commission, del Comune di Taormina e del MiC, Ministero della Cultura – Direzione Generale cinema e audiovisivo.

Leggi la notizia

Economia

Eruzione Etna chiusa la pista a Catania, ecco come salvare il viaggio aereo

Redazione

Pubblicato

il

Etna in eruzione in corso 

L’eruzione in corso dell’Etna ha portato alla chiusura della pista dell’aeroporto di Catania nella giornata di oggi, venerdì 5 luglio. Alla chiusura dello scalo di Catania seguiranno pesanti disservizi che subiranno i passeggeri. La pista dell’aeroporto di Catania Fontanarossa è chiusa e già da ieri, giovedì 4 luglio, sono stati riscontrati dei disagi. Le compagnie aeree stanno avvisando i passeggeri, comunicando loro, la cancellazione o la diversa destinazione in altro scalo, come quello palermitano o trapanese.

Nonostante il vettore aereo non sia responsabile del disservizio, e per questo motivo non spetta la compensazione pecuniaria ai passeggeri, secondo il Regolamento 261 del 2004, è previsto il rimborso delle spese extra sostenute dal viaggiatore per raggiungere la meta prefissata, qualora la stessa compagnia non abbia provveduto ad assistere il passeggero.

Il passeggero, quindi, alla ricezione della comunicazione del disagio, è libero di non accettare la riprotezione, qualora la stessa sia nei giorni successivi alla di viaggio desiderato. In questo caso, quindi, il passeggero può acquistare un nuovo biglietto aereo anche con altra compagnia in altro scalo e quindi prendere un mezzo pubblico o un taxi per raggiugere Catania. Risulta fondamentale in questo processo conservare la prenotazione originale del volo aereo per Catania, ma anche tutte le ricevute, fatture e scontrini di quanto speso per l’acquisto di ogni mezzo per raggiungere la meta inizia prefissata. Tutto ciò è necessario per richiedere il rimborso delle spese extra. Il vettore aereo può, di comune accordo con il passeggero, decidere di operare il volo, dirottandolo in un altro aeroporto. È comunque onere della compagnia aerea fornire assistenza per raggiungere lo scalo di Catania. Anche in questo caso, qualora ciò non avvenga, il viaggiatore può sostenere costi per mezzi pubblici e/o taxi per raggiungere l’aeroporto di Catania, chiedendo successivamente il rimborso al vettore aereo.

“I passeggeri che subiranno i disservizi aerei per via dell’eruzione dell’Etna – dice Felice D’Angelo, ceo di ItaliaRimborso – possono seguire quanto disciplinato dal Regolamento Europeo 261/2004 e chiedere successivamente, qualora non riprotetti dal vettore aereo, il rimborso di tutti costi sostenuti per raggiungere Catania. Attenzione, le spese sostenute devono essere ragionevoli. I viaggiatori possono fare richiesta anche direttamente alla compagnia aerea”.

Disagi aerei che si aggiungono agli scioperi sugli aeroporti di Bologna, Venezia, Linate, Malpensa e Fiumicino. Una giornata destinata a diventare nera coinvolgendo tantissimi italiani, che avevano programmando il viaggio in questo weekend.

 

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza