Segui i nostri social

Meteo

Meteo, tempesta in arrivo: martedì la giornata più critica

Matteo Ferrandes

Pubblicato

-

PERTURBAZIONE SUL SUD ITALIA: OGGI ANCORA PIOGGE E TEMPORALI LOCALMENTE INTENSI; ALLERTA ARANCIONE SU CAMPANIA E MOLISE. ARIA FREDDA SULL’ITALIA: TEMPERATURE IN CALO. LUNEDÍ TEMPORANEA TREGUA, POI SI CONFERMA L’ARRIVO DI UNA INTENSA TEMPESTA CON MALTEMPO DIFFUSO, TANTA NEVE, RAFFICHE DI VENTO OLTRE I 100 KM/H E RISCHIO MAREGGIATE. A VENEZIA MARTEDÍ POTREBBE SCATTARE IL CODICE ROSSO PER ALTA MAREA ECCEZIONALE

 

La settimana si chiude all’insegna di un tempo ancora decisamente movimentato per il passaggio di una perturbazione (la n.7) piuttosto intensa, associata a un’attiva area di bassa pressione con minimo in trasferimento dal Centro Italia verso il sud dei Balcani e ad un afflusso di aria più fredda. Ne conseguono una vivace ventilazione e un ridimensionamento del clima mite degli ultimi giorni. Le precipitazioni collegate al passaggio perturbato, oggi si concentreranno soprattutto al Sud e sulle Isole. Lunedì – affermano i meteorologi di Meteo Expert -, il tempo migliorerà anche al Sud, con una finestra di stabilità diffusa ancora una volta di breve durata. Infatti, tra la fine del giorno e martedì transiterà un’altra perturbazione (n.8) ancora più intensa, i cui effetti potrebbero determinare diverse criticità: venti impetuosi con raffiche fino a tempestose (oltre 100 km/h), precipitazioni anche forti e abbondanti principalmente al Nord, nel settore tirrenico e in Sardegna e, dopo lungo tempo, neve abbondante sulle Alpi. Seguirà una probabile fase più stabile, caratterizzata da correnti occidentali relativamente miti che ci accompagneranno fino al prossimo fine settimana.

 

PREVISIONI PER LE PROSSIME ORE

 

Al Nord e sulla Toscana e sull’alto Lazio tempo soleggiato, salvo una residua nuvolosità al mattino sull’alto Adriatico e in Romagna e la presenza di nebbie sulla pianura padana centrale, in dissolvimento. In serata aumento delle nubi lungo le Alpi centro-occidentali, con qualche fiocco di neve in alta Valle d’Aosta. Sulle regioni centrali adriatiche e sul basso Lazio nuvolosità variabile, in attenuazione dal pomeriggio. Isolate e residue precipitazioni nelle Marche, lungo l’Appennino, specie in mattinata. Al Sud e sulle Isole nuvole a tratti più compatte con piogge sparse, anche sottoforma di intensi rovesci o temporali, inizialmente sul settore tirrenico, in Sicilia e nell’ovest della Sardegna, ma in estensione al resto del Sud nel pomeriggio. In serata tendenza a una parziale attenuazione dei fenomeni, salvo ancora dei rovesci o temporali fra Sicilia tirrenica, Calabria e Puglia meridionale. 

Temperature massime in sensibile calo al Sud e sulla Sicilia, in ulteriore lieve calo nel resto del Paese. Valori tra 11 e 16 gradi al Centro-Nord, fino a 17-20 gradi al Sud e sulle Isole. Venti: da moderati a localmente forti al Centro-Sud, di Maestrale su Tirreno, Isole e medio Adriatico, meridionali fra Ionio e Canale d’Otranto. Bora moderata sull’alto Adriatico. Mari: da molto mossi ad agitati il Mare di Sardegna, i Canali delle Isole e lo Ionio settentrionale; molto mossi i restanti bacini meridionali, il Tirreno centrale e il medio Adriatico; da poco mossi a mossi i restanti bacini.

 

PREVISIONI PER DOMANI, LUNEDÍ 21 NOVEMBRE

 

Tempo nel complesso asciutto e abbastanza soleggiato. Nel corso della giornata tenderanno ad aumentare le nuvole a partire dal Nordovest, dal medio-alto Tirreno e dalla Sardegna, con le prime isolate e deboli piogge dal pomeriggio su estremo levante ligure e nordovest della Toscana.

Cielo irregolarmente nuvoloso, con residue e isolate precipitazioni, tra Calabria meridionale e Sicilia tirrenica. Nel resto del Paese cielo generalmente sereno o poco nuvoloso, salvo la presenza di locali nebbie all’alba sulla valle padana centro-orientale. In serata tendenza ad un peggioramento sulle regioni settentrionali, su quelle tirreniche fino alla Campania e sulla Sardegna dove, nella notte, giungeranno precipitazioni diffuse e intense.

Temperature minime all’alba in calo quasi ovunque, localmente vicine allo zero al Nord e nelle valli interne del Centro. Massime pomeridiane senza grandi variazioni e in generale prossime alla norma; valori poco sopra i 10 gradi al Nord, per lo più tra 13 e 19 gradi al Centro-Sud. Venti dai quadranti occidentali, da moderati a tesi sui mari di ponente, sulle Isole maggiori, sull’Adriatico meridionale e sullo Ionio, fino a forti sul mare e Canale di Sardegna e nel Canale di Sicilia; deboli altrove. Mari: poco mossi l’Adriatico centrale e settentrionale; mossi o molto mossi i restanti bacini.

 

PREVISIONI PER MARTEDÍ 22 NOVEMBRE

 

Giornata di maltempo in gran parte dell’Italia, con forti piogge e temporali e rischio di nubifragi soprattutto al Nordest, in Lombardia, Liguria di levante, in tutte regioni tirreniche, nell’interno del Centro e in Sardegna; nevicate su Alpi e Prealpi, anche abbondanti su quelle orientali. Dal pomeriggio tendenza a miglioramento al Nordovest. Temperature minime in rialzo ovunque. Massime in aumento sul medio Adriatico, al Sud e in Sicilia; in calo altrove, più marcato al Nord e in Toscana.  Pericolosi venti di tempesta, con raffiche oltre i 100 Km/h in tutto il Centro-Sud e sui mari prospicienti, fino a 70-90 Km/h sui bacini settentrionali: di Tramontana in Liguria, di Scirocco sull’alto Adriatico, in rotazione a Bora nel Golfo di Trieste, Libeccio su Sicilia e Ionio; Maestrale sulla Sardegna e sui mari limitrofi con raffiche fino a 120-140 Km/h. Mari: mosso il basso Adriatico sotto costa, da molto mossi a molto agitati tutti gli altri bacini; fino a grossi il mare e canale di Sardegna. Rischio mareggiate sulle coste occidentali della Sardegna, su quelle tirreniche peninsulari e della Sicilia meridionale. Il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree della Città di Venezia prevede codice rosso per alta marea eccezionale, con un massimo di 150 cm di marea intorno alle 9:50 del mattino.

 

È possibile consultare le previsioni nel dettaglio sul sito www.iconameteo.it.

Per chiarimenti e approfondimenti siamo a disposizione al numero 026602181, selezionando il tasto 1 “Produzione TV”

Cronaca

Palermo, troppo freddo in classe: sanitari del 118 soccorrono bimba per ipotermia

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Palermo: troppo freddo a scuola, bimba va in ipotermia
A Palermo, nella scuola Emanuela Loi, una bimba si è sentita male ed è andata in ipotermia

Se l’è vista brutta l’alunna della Scuola Loi di Rigano a causa delle temperatura insostenibili all’interno della propria classe. Le sue condizioni di salute erano tali da dover richiedere il soccorso dei sanitari del 118.

Leggiamo nel dettaglio l’articolo di Filomena Fotia di Meteoweb.eu
 

 
 
Troppo freddo in classe: una bimba di quinta elementare si è sentita male ed è andata in ipotermia. E’ accaduto a Palermo, nella scuola Emanuela Loi, nel quartiere Passo di Rigano, dove i riscaldamenti sono guasti.
La piccola ha iniziato a tremare e gli operatori del 118 giunti sul posto l’hanno trovata in ipotermia.

  
 
”La preside aveva segnalato il problema dell’impianto di riscaldamento inutilizzabile ripetutamente e, addirittura, nemmeno i solleciti da parte della prefettura hanno consentito la risoluzione del problema,” ha affermato il segretario della Flc Cgil Palermo Fabio Cirino che ha espresso vicinanza al dirigente scolastico Rosaria Corona, alla piccola studentessa e a tutti gli studenti e dirigenti scolastici “che spesso si sentono soli e abbandonati in trincea a combattere contro le inefficienze delle strutture edilizie scolastiche“. “Auspichiamo un immediato intervento da chi di competenza per risolvere questa situazione d’emergenza e rigettiamo ogni ipotesi di autonomia differenziata o di differenziazione di stipendi che tendono ad aumentare le diseguaglianze regionali già esistenti. Il ministro Valditara parla di stipendi diversificati per gli insegnanti e di finanziamenti privati quando il sistema di istruzione pubblico soffre già di disparità e di diseguaglianze inaccettabili. Non esistono livelli essenziali di prestazione e occorrerebbero parametri uniformi di prestazione, di strutture e dotazioni in tutto il paese, che purtroppo non ci sono. Non possiamo più a lungo tollerare soluzioni che rischiano solo di far aumentare il gap esistente tra Sud e Nord, penalizzando sempre il Mezzogiorno,” ha concluso Cirino.

“E’ motivo di dispiacere il malore accorso alla piccola alunna dell’istituto Emanuela Loi a causa del freddo determinato da un guasto improvviso dell’impianto di riscaldamento e che l’amministrazione sta provvedendo rapidamente a riparare e che già da domani riporterà a normalità la situazione“. Lo dice il sindaco di Palermo, Roberto Lagalla. “La situazione nelle scuole è nota, ritardi di manutenzione e quindi con problemi gestionali non banali – aggiunge il sindaco – L’amministrazione sta provvedendo a risolverli sia erogando direttamente somme in favore degli istituti scolastici sia nell’ambito di un accordo-quadro con lo Stato che a seguito dell’approvazione del bilancio questa amministrazione è stata in grado di avviare”.  

In copertina immagini di repertorio del giornale prese dal web

Leggi la notizia

Meteo

Meteo, tempo instabile al Sud, Isole e Medio Adriatico e nuovo impulso di gelo

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

LA CIRCOLAZIONE DEPRESSIONARIA INSISTE SULLE NOSTRE REGIONI MERIDIONALI, NELLE ISOLE E NEL SETTORE DEL MEDIO ADRIATICO CON UN MIGLIORAMENTO PREVISTO NEL WEEKEND. ANCORA CORRENTI FREDDE PROVENIENTI DAI BALCANI CON EFFETTI PIÙ EVIDENTI AL CENTRO-NORD E IN SARDEGNA
 
Il Mediterraneo centrale e l’Italia continuano a rimanere sede di una circolazione depressionaria con centro sulle nostre regioni meridionali. La giornata odierna e in parte anche quella di domani (venerdì) vedrà condizioni di instabilità soprattutto al Sud, nelle Isole e sul settore del medio Adriatico. Poi, nel corso del fine settimana, la zona di bassa pressione tenderà gradualmente a indebolirsi e a trasferirsi leggermente più verso sud con fenomeni di conseguenza più scarsi e via via più concentrati all’estremo Sud. La depressione continua anche a richiamare aria fredda proveniente dai Balcani e diretta soprattutto verso le regioni centro settentrionali e la Sardegna dove le caratteristiche invernali del clima saranno più evidenti (possibili gelate notturne, valori anche sotto le medie stagionali).
 
Tra domenica e l’inizio della prossima settimana dovrebbe poi dissolversi il corridoio di alta pressione presente sull’Europa centrale – affermano i meteorologi di Meteo Expert -, responsabile dell’attuale stazionarietà della circolazione depressionaria descritta. In questa evoluzione, un fronte freddo lunedì si addosserà all’arco alpino con nevicate sul versante settentrionale e di confine.
 
 
 
PREVISIONI PER LE PROSSIME ORE
 
Al Sud cielo molto nuvoloso o coperto con precipitazioni più probabili e possibili rovesci o isolati temporali su Puglia, bassa Campania, nord della Calabria; rovesci isolati in Sicilia, più probabili nell’ovest. Sui monti limite della neve oltre 1000-1200 metri. Molte nubi e probabili precipitazioni anche su Abruzzo e Molise con neve sopra 700 m circa. Possibili rovesci lungo le coste tirreniche della Sardegna, soprattutto a inizio giornata. Nuvole associate a possibili precipitazioni anche nel Lazio meridionale. Nel resto del Centronord nuvolosità irregolare e variabile con la possibilità di qualche schiarita, più probabile e ampia nel settore intorno al Ligure, a ridosso delle Alpi, sul Triveneto e nel nord dell’Emilia.
Temperature in leggero aumento in Sardegna, per lo più stabili o in lieve calo altrove.
Venti in rotazione antioraria intorno a un minimo di pressione centrato sul Tirreno; soffieranno da moderati a tesi su tutti i mari e al Centrosud, fino a localmente forti da sudest nel Canale d’Otranto.
Mari: fino a molto mossi Canale d’Otranto, Ionio, Adriatico e mari intorno alla Sardegna; mossi o poco mossi i restanti bacini.
 
 
 
PREVISIONI PER DOMANI, VENERDÌ 27 GENNAIO
 
Tempo prevalentemente soleggiato sul Nordest, in Liguria, sulle Alpi centrali e sulle coste toscane; dal pomeriggio schiarite anche in Lombardia e Piemonte. Cielo nuvoloso o molto nuvoloso nel resto del Paese, con deboli nevicate fino a bassa quota nelle Marche; a quote collinari in Abruzzo e tra 800 e 1300 metri sull’Appennino meridionale e in Sicilia. Piogge sparse sulle coste molisane e nel nord della Puglia. Brevi rovesci isolati sulla Sicilia tirrenica, in Calabria, sulla Sardegna meridionale, nel resto della Puglia e sul basso Lazio
Temperature in leggero aumento in Sicilia, per lo più stabili o in lieve calo altrove.
Ventoso per venti da nordest sull’alto mare Adriatico, su Toscana, Umbria e alto Lazio; venti moderati di tramontana in Liguria, da nord o nordovest sui mari attorno alle isole.
Mari: poco mossi sotto costa il Ligure orientale, Ionio, basso Adriatico ed il Tirreno a ridosso della penisola; da mossi a molto mossi i restanti bacini.
 
 
 
PREVISIONI PER SABATO 28 GENNAIO
 
Ampie schiarite con solo delle velature di passaggio sulle Alpi e al Nord-Ovest. Tempo stabile anche sulle Venezie, in Emilia e in Toscana, ma con nuvolosità a tratti più estesa. Molte nuvole nelle altre regioni, con isolate piogge o rovesci in Calabria e Sicilia e neve sui relativi rilievi 1000 metri circa. Qualche pioggia a carattere sporadico possibile anche in Sardegna, nel Golfo di Taranto e nelle Marche, con quota neve intorno ai 300-400 metri nell’entroterra marchigiano.
Temperature minime sottozero in pianura al Nord; massime stazionarie o in leggero calo con valori sotto la media, specie al Centro-Sud.
Venti ancora moderati o tesi da nord o nord-est al Centro, in Sardegna e intorno ai mari settentrionali; Maestrale nel Canale di Sicilia.
Mari mossi o localmente molto mossi, tranne il Mar Ligure orientale e i tratti sotto costa de Tirreno orientale e dello Ionio.
 

È possibile consultare le previsioni nel dettaglio sul sito www.iconameteo.it.
Per chiarimenti e approfondimenti siamo a disposizione al numero 026602181, selezionando il tasto 1 “Produzione TV”. 
 
 

Leggi la notizia

Meteo

Meteo, perturbaione al Centro-Sud e sulle Isole: previsti roversci anche forti e nevicate. Domani nuovo afflusso di aria fredda

Giovanni Di Micco

Pubblicato

il

TRA OGGI E DOMANI TEMPO LOCALMENTE PERTURBATO AL CENTRO-SUD E NELLE ISOLE. NUOVO AFFLUSSO DI ARIA FREDDA IN VISTA

 

Il vasto campo di alta pressione – affermano i meteorologi di Meteo Expert –  che occupa l’Europa centrale estende gradualmente la sua influenza verso il nord del nostro Paese; la circolazione ciclonica formatasi nei giorni scorsi sul Mediterraneo è invece ancora in grado di determinare condizioni di tempo instabile o localmente perturbato sulle regioni centro-meridionali e sulle Isole maggiori. L’afflusso di aria fredda da nord-est verso l’Italia si è temporaneamente interrotto, ma è destinato a riattivarsi già da domani. I venti freddi dall’Europa orientale investiranno ancora una volta soprattutto le regioni centro-settentrionali e la Sardegna.

 

PREVISIONI PER LE PROSSIME ORE

 

Al mattino schiarite tra Toscana, Umbria e alto Lazio, sulle Alpi centrali di confine e nel nord della Sicilia; nuvole più o meno compatte nel resto del Paese. Residue e deboli precipitazioni isolate su Piemonte meridionale ed Emilia Romagna, nevose oltre 700 metri circa. Deboli precipitazioni isolate sul settore del medio Adriatico, nevose sopra 800-900 m. Piogge e rovesci sulla Sardegna, specie tra le zone interne e orientali dell’Isola, con neve sopra 900-1000 m. Piogge sparse tra nord-est della Calabria, Lucania e Puglia centro-meridionale, anche moderate nel Salento. Dal pomeriggio migliora al Nord. Piogge isolate sul nord della Sicilia; fenomeni sparsi localmente anche moderati sul medio e basso Adriatico con neve sull’Appennino centrale oltre i 900-1000 m; in Sardegna insistono le precipitazioni con possibili rovesci o temporali lungo le coste tirreniche. In serata qualche pioggia isolata in arrivo lungo le coste della Campania e del basso Lazio. Temperature massime senza grandi variazioni con lievi cali al Nord-Ovest e sul medio e basso Adriatico, lievi rialzi sul medio Tirreno. Venti fino a tesi settentrionali in Liguria, da est o nor-dest fino a moderati su alto Adriatico, Toscana, Sud e Sardegna. Mari: fino a molto mossi Ligure, Mar di Corsica, il Tirreno a ridosso della Sardegna, l’alto Ionio e il basso Adriatico, mossi o localmente poco mossi i restanti bacini.

 

PREVISIONI PER DOMANI, GIOVEDÌ 26 GENNAIO

 

Al Sud e in Sicilia cielo molto nuvoloso o coperto e precipitazioni sparse, più frequenti e con possibili rovesci o isolati temporali su Puglia, bassa Campania, nord della Calabria e ovest dell’isola; sui monti limite della neve oltre i 900-1200 metri. Molte nuvole e possibili fenomeni anche nel settore del medio Adriatico, anche moderati tra Abruzzo e Molise con neve a 700 m circa in calo in serata e in Sardegna con possibili rovesci o temporali lungo le coste tirreniche dell’Isola. Nuvole associate nel pomeriggio anche a qualche precipitazione anche nel Lazio. Nel resto del Centro-Nord nuvolosità irregolare e variabile con la possibilità di qualche schiarita, più probabile e ampia nel settore intorno al Ligure, a ridosso delle Alpi e sul Triveneto. Temperature minime in calo al Nord-Est, per lo più in rialzo nel settore peninsulare; massime per lo più stabili o in lieve calo, eccetto in Sardegna, Campania, Lucania e Puglia. Venti in rotazione antioraria intorno a un minimo di pressione centrato sul Tirreno; soffieranno anche moderati su tutti i mari e al Centro-Sud, fino a localmente forti da sud-est nel Canale d’Otranto, da nord nel Ponente ligure e in Sardegna. Mari: fino ad agitato il Canale d’Otranto, a molto mossi Ionio, medio e basso Adriatico e mari intorno alla Sardegna: mossi o poco mossi i restanti bacini.

 

PREVISIONI PER VENERDÌ 27 GENNAIO

 

Tempo prevalentemente soleggiato al Nord e lungo il settore tirrenico fino al Lazio con le schiarite più ampie lungo le Alpi, al Nord-Est e nel settore ligure. Prevalenza di nuvole nel resto del Centro-Sud. Nell’arco della giornata precipitazioni sparse anche moderate su Abruzzo, Molise e Foggiano, fenomeni più deboli e isolati su Marche, Irpinia e resto della Puglia adriatica; possibili rovesci nel versante tirrenico della Calabria e della Sicilia. Limite della neve tra i 200 m del nord delle Marche e gli 800 m dell’Irpinia, oltre i 1000-1100 m in Calabria e Sicilia. Temperature per lo più stabili o in lieve calo; lievi rialzi nelle massime solo nel sud della Sicilia. All’alba gelate anche in pianura al Nord. Altra giornata piuttosto ventosa al Centro-Sud e su tutti i mari con venti settentrionali fino a moderati o localmente tesi su medio e alto Adriatico, Ligure, Sardegna e Canale di Sicilia. Mari: poco mossi sotto costa il Ligure orientale e il Tirreno a ridosso della Penisola; da mossi a molto mossi i restanti bacini.

 

È possibile consultare le previsioni nel dettaglio sul sito www.iconameteo.it.
Per chiarimenti e approfondimenti siamo a disposizione al numero 026602181, selezionando il tasto 1 “Produzione TV”.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza