Segui i nostri social

Sanità

Messina, l’Associazione Nino Cucinotta dona un defibrillatore al Liceo La Farina

Giovanni Di Micco

Pubblicato

-

Questa mattina si è svolta la cerimonia di consegna del presidio salvavita alla presenza della Dirigente Caterina Celesti e dei rappresentanti dell’Associazione. 

 

Messina, 25 gennaio – L’Associazione Nino Cucinotta ha donato un defibrillatore all’Istituto di Istruzione Superiore La Farina grazie alle donazioni ricevute da tantissimi messinesi. 

 

Il defibrillatore, fondamentale presidio salvavita, la cui disponibilità e corretto utilizzo aumentano sensibilmente la possibilità di sopravvivenza in caso di arresto cardiaco, è stato consegnato e installato nella sede di via Oratorio della Pace. Accanto al defibrillatore è stata apposta una targa, in ricordo di Nino Cucinotta, ex alunno della scuola. Sulla targa un verso in latino, del poeta Ovidio, che celebra il valore dell’amicizia: “Illud amicitiae sanctum ac venerabile nomen”. 

 

La consegna del defibrillatore chiude il ciclo di attività organizzate durante le festività natalizie, caratterizzate anche dalla distribuzione in città del PanettoNino, un piccolo panettone solidale realizzato in collaborazione con il panificio Le Tre Sorelle. 

 

“Abbiamo scelto di donare il defibrillatore a questa scuola – spiegano i rappresentanti dell’Associazione Nino Cucinotta, nata su iniziativa degli amici di Nino dopo la sua scomparsa il 6 dicembre 2021 – perché qui Nino è cresciuto negli anni ’90. Per noi è un luogo di tanti ricordi e forti emozioni, che ha permesso la costruzione di legami indissolubili. Ai ricordi oggi aggiungiamo un segno concreto, questo defibrillatore e la targa apposta accanto perché ciò che Nino ci ha insegnato è che l’amicizia fa nascere umanità, solidarietà e bellezza”. 

 

“Abbiamo subito accettato la richiesta di donazione da parte dell’associazione – aggiunge la Dirigente Scolastica Caterina Celesti – perché ci sembra bellissimo che dal sentimento di amicizia nasca coerentemente un dono di vita”. 

Nelle foto 
La consegna del defibrillatore alla Dirigente Scolastica Celesti da parte della Presidente dell’Associazione, Simona Raffaele e della zia di Nino Cucinotta, Maria Cucinotta.

Sanità

Sanità Sicilia, CIMEST: Tavoli tecnici? Buona notizia, ma se Volo non ci convoca sarà agitazione  

Redazione

Pubblicato

il

  

Palermo, 1 feb. – “La prossima istituzione dei tavoli tecnici per risolvere le criticità del sistema sanitario regionale comunicataci dall’assessore Volo ieri è una buona notizia, ma non è il passo che attendevamo. Ci auspicavamo che l’assessore ci desse un segno di vita dopo la richiesta di convocazione che abbiamo avanzato con gli altri sindacati del comparto al fine di programmare una migliore sanità territoriale, ma questo non è ancora avvenuto”. Lo affermano  Salvatore Calvaruso e Salvatore Gibiino, Coordinatori dell’Intersindacale CIMEST.    

“I tavoli tecnici – sottolineano il segretario nazionale del Sindacato Branca a Visita ed il segretario regionale della ARDISS-FKT – richiederanno mesi di confronti e dibattiti e potrebbero concludersi con un nulla di fatto. I cittadini siciliani non possono aspettare che si discuta ancora all’infinito su come risolvere i problemi della sanità della loro regione mentre li vivono quotidianamente e chi dovrebbe intervenire per risolverli non lo fa, semplicemente perché non vuole”.    

“La situazione – proseguono Gibiino e Calvaruso – è diventata insostenibile sia per i pazienti che per chi opera nel comparto al punto che il Codacons e altre associazioni per la tutela dei cittadini hanno deciso di muoversi con l’istituzione di una task force sanità composta da legali e medici”.   

“Alla Volo – concludono i due segretari  – ricordiamo che sabato a Caltanissetta si terrà l’assemblea di tutte le sigle sindacali della specialistica accreditata esterna e in assenza di una sua presa di coscienza sulla gravità della questione daremo il via allo stato di agitazione sospendendo per tre giorni le visite e non erogando più prestazioni in extra budget. Forse quando i cittadini infuriati faranno piovere denunce sul tavolo dell’assessore le promesse formulate tre mesi fa dal presidente Schifani avranno un riscontro nell’operato di chi finora ha solo traccheggiato”.

Leggi la notizia

Sanità

Richiami, salame ritirato per salmonella e listeria. Ecco lotto e marca

Direttore

Pubblicato

il

Il Ministero della Salute ha reso noto il richiamo di un genere di affettato, causa possibile presenza di salmonella e listeria.

Si tratta esattamente di salame sfuso:  Agrisalume Luiset prodotto dall’omonima ditta dell’astigiano.

Nel link di seguito il lotto specifico

Leggi la notizia

Sanità

Sanità, Giuliano (UGL): “Ecco dove investire per garantire accessibilità alle cure”

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

“Inutile girarci troppo attorno, i cittadini italiani chiedono che venga loro restituito un diritto scritto e sancito nella Costituzione nell’articolo 32: quello alla salute” dichiara il Segretario Nazionale della UGL Salute Gianluca Giuliano. “In un momento estremamente complicato per le famiglie la richiesta di un’adeguata assistenza è una impellenza assoluta così da porre questa necessità alla pari degli interventi per fronteggiare la crisi economica. L’impossibilità di accedere alle cure – prosegue il sindacalista – è palese. Sovraffollamento degli ospedali e dei Pronto Soccorso, liste di attesa da tempi biblici sono la punta dell’iceberg delle cause che privano gli italiani di cure. E la loro insoddisfazione deve essere raccolta e fare da volano per un rilancio del SNN non più procrastinabile. Bisogna provvedere a implementare gli organici valutando con cura le esigenze territoriali, per evitare squilibri nell’erogazione dei servizi a livello geografico, utilizzando le graduatorie in essere e l’estensione dei requisiti per le stabilizzazioni per una campagna massiccia di assunzioni con la garanzia di contratti a tempo indeterminato. E intervenire sugli emolumenti. Lo ripetiamo, quelli dei professionisti italiani non sono competitivi rispetto ai colleghi europei. Questo squilibrio, sommato a condizioni di lavoro inaccettabili con turni massacranti e ripetuti episodi di violenza verbale e fisica, è causa della fuga dai Pronto Soccorso e dalle corsie in direzione dell’attività privata o di esperienze oltre frontiera. Gli italiani hanno il diritto di tornare ad usufruire di un’assistenza di livello e perché ciò accada bisogna produrre un cambiamento epocale che veda gli operatori sanitari al centro di un nuovo SSN” conclude Giuliano.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza