Segui i nostri social

Lavoro

Il Lavoro è dignità. La mancata Stabilizzazione dei Forestali mette in discussione il concetto

Marilu Giacalone

Pubblicato

-

Mentre è stato eletto il nuovo Presidente Gaetano Galvagno all’ARS e ci si appresta quanto prima
(speriamo) a mettere ordine se così si vuol dire, alle poltrone siciliane , vi è un settore o meglio vi sono
tante famiglie che attendono lumi da questa situazione sempre più ingarbugliata di politica siciliana. Le
famiglie citate sono quelle dei lavoratori forestali che forse dalla prossima settimana attendono di, vedersi
accreditato lo stipendio di Settembre per non dire Ottobre e mettersi in fila per nuove situazioni in vista del
prossimo anno.
Tutti in attesa di capire come debbano muoversi i nuovi deputati che si destreggiano come delle pedine in
una scacchiera sempre più a vantaggio di chi dirige dai piani alti della capitale. Lavoratori che in stragrande
maggioranza ha preferito disertare la cabina elettorale nell’ultima elezione regionale, dopo tante promesse
non mantenute e condivise da sindacati che cercano di racimolare tutto ciò che loro hanno perso. Si è persa
la dignità del lavoro continuo e duraturo, lavoro promesso con relativa stabilizzazione per un settore mai
decollato e nonostante tutti lo rivendicano nessuno l’ha mai difeso per arrivare al culmine di una dignità
dovuta dopo 30-40 anni di settore.
Oggi, ci si imbatte in nuovi accordi legali, con nuove strette di mano dopo essersi “infilzati,sparlati e
sbandierati in diretta o dietro le quinte”, in nuove unioni e nel “volemosi bene”e promesse sindacali con
relative carte bollate in attesa sempre di un domani migliore, andando ad incrementare ancora di più il
malloppo cartaceo di processi e sentenze che alla fine svaniscono nel nulla di fatto, proprio perchè “a
quartara ‘cu muru” non è mai andata d’accordo. Prigionieri di un sistema consolidato e ben gestito di chi
lucra alla spalle dei lavoratori e, per quei pochi che hanno ancora gli occhi chiusi davanti all’evidenza o di
chi passa da un sindacato all’altro proprio per cercare di evidenziarsi e mettersi in mostra. Il sindacare non
è più sindacato ma, un prendere atto che il lavoratore deve sottostare alle regole comuni di chi ha diretto la
baracca da sempre e continuerà a farlo ancora per molto…..
Antonio David

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lavoro

Pesca, per la formazione 1,2 milioni. Schifani: «Favoriamo innovazione di un settore strategico»

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

Presidenza della Regione
«Oltre un milione e duecentomila euro per la realizzazione di corsi destinati a creare nuove competenze degli addetti del settore della pesca, che consentiranno non soltanto di modernizzare le tecniche, ma anche di cogliere nel migliore dei modi le nuove sfide proposte da un mercato sempre più globalizzato e competitivo».
 
Ad annunciare la pubblicazione del bando, finanziato dalla misura 1.29 – Promozione del capitale umano, creazione di posti di lavoro e del dialogo sociale del Po Feamp 2014-2020, è l’assessore regionale alla Pesca mediterranea, Luca Sammartino. 
 
I corsi saranno finalizzati al conseguimento di titoli e attestati per l’imbarco su navi da pesca, per le operazioni di pesca e prima preparazione del pescato, per tecnici in strategie di mercato e pianificazione di azioni di marketing, per operatori tecnici subacquei inshore in impianti di acquacoltura, maricoltura e a supporto delle attività di pesca.

«Il settore della pesca – sottolinea il presidente della Regione, Renato Schifani – è uno di quelli che traina e caratterizza l’economia siciliana, con l’eccellenza dei suoi prodotti apprezzati in tutto il mondo. Per questo motivo, il governo della Regione punta sulla formazione per favorire l’innovazione, in un’ottica di sviluppo tecnologico, di sicurezza e di sostenibilità ambientale, ma anche nuova occupazione qualificata».
 
«Il governo Schifani – aggiunge l’assessore Sammartino – interviene a favore del rinnovamento del settore della pesca attraverso un’attività di formazione professionale che punta a coinvolgere i giovani, le organizzazioni della piccola pesca costiera, le organizzazioni di produttori e dell’associazionismo per promuovere la conoscenza, l’innovazione e la sostenibilità dell’attività alieutica».

 
Il bando è disponibile sul portale web della dipartimento regionale della Pesca mediterranea. Le domande potranno essere presentate entro le ore 12 del 20 febbraio 2023.

Leggi la notizia

Lavoro

Formazione, la Regione finanzia quattro corsi per assunzione in Costa Crociere. Iscrizioni fino al 10 febbraio

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Presidenza della Regione
«Saranno quattro i corsi finanziati dalla Regione Siciliana con le risorse del Fondo sociale europeo per la formazione del personale destinato alle navi di Costa Crociere». Lo annuncia l’assessore alla Formazione professionale, Mimmo Turano.
 
L’obiettivo è quello di formare quattro diverse figure professionali da inserire a bordo delle navi Costa: animatore, animatore bambini e ragazzi, tecnico dell’intrattenimento e addetto alle escursioni. I posti a disposizione saranno 15 per ognuno dei quattro corsi, finanziati attraverso l’ex Avviso 33/2019 “Formazione per la creazione di nuova occupazione” avranno. Gli studenti selezionati avranno la possibilità di accedere a una formazione di assoluta eccellenza, che prevede 300 ore d’aula e 90 di stage, nella sede di Palermo della Global Service for Enterprises. Al termine dei corsi, Costa Crociere si impegna ad assumere a bordo delle sue navi, con contratto a tempo determinato rinnovabile, almeno il 55% degli studenti idonei.

«Una grande opportunità – sottolinea il presidente della Regione, Renato Schifani – per i nostri giovani. Formare apposite figure professionali richieste dal mercato è l’investimento migliore che la Regione possa e debba fare. L’obiettivo di una formazione professionale moderna ed efficace è proprio quello di intercettare le esigenze delle aziende per garantire reali sbocchi lavorativi. Ed è questo quello che il mio governo sta facendo».
 
«Il vero grande risultato di questa iniziativa – spiega Turano – è la partecipazione alla seconda edizione dell’Avviso 33 di una grande realtà come Costa Crociere. Il nostro obiettivo è coniugare, attraverso una formazione di qualità e mirata, le necessità delle imprese in materia di personale con le ricadute occupazionali sul territorio».
 
I corsi sono destinati a disoccupati o inoccupati in età lavorativa residenti o domiciliati in Sicilia. Per le figure di animatori, animatori bambini e ragazzi, addetti alle escursioni sono necessari il diploma di scuola superiore, una buona conoscenza della lingua inglese e possibilmente di un’ulteriore lingua a scelta tra francese, tedesco o spagnolo. Per i tecnici dell’intrattenimento è richiesto il diploma di scuola superiore e una buona conoscenza della lingua inglese.
 
«Costa – evidenzia Antonella Varbaro, fleet hotel Human resources director presso Costa Crociere – è lieta di riproporre la collaborazione con la Regione Siciliana e Global Service for Enterprises. La prima edizione dei corsi di formazione, terminata all’inizio del 2022 ha dato risultati eccellenti, con una percentuale di assunzione del 93% circa, quindi di molto superiore alla soglia minima prevista dai bandi. Siamo convinti che anche i nuovi quattro corsi in partenza nel 2023 in Sicilia offriranno grandi opportunità per chi vuole iniziare un percorso professionale a bordo delle nostre navi».
 
Le iscrizioni ai corsi sono aperte sino al 10 febbraio 2023. Per prendere visione del bando e partecipare alla selezione sarà sufficiente collegarsi al sito della Global Service for Enterprises (www.glosent.it) e seguire le indicazioni nell’apposito banner dell’avviso, o contattare la segreteria del corso (tel. 091 7846745). Informazioni anche sul sito web di Costa Crociere dedicato alla ricerca di personale.

Leggi la notizia

Cultura

Trapani, Ente Futura apre le porte a famiglie e studenti

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

L’Ente di Istruzione e Formazione Professionale Futura, apre le porte a famiglie e studenti. 
A Trapani, nella sede di Via Alcamo n. 84, giovedì 19 gennaio, dalle 15.00 alle 18.00, un open day per scoprire l’offerta formativa 2023/2024 che sarà illustrata dagli insegnanti e dai tutor. La scuola professionale dei mestieri proporrà ai visitatori degustazioni, performance e servizi di hair styling e make up gratuiti. 

Con una esperienza più che ventennale, Futura è un Ente di Istruzione e Formazione Professionale presente sul territorio siciliano con le sue sedi dislocate nelle province di Catania, Caltanissetta, Agrigento, Trapani, Palermo.
Futura propone  percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) finanziati dalla Regione Siciliana per coloro che si trovano nel periodo di diritto-dovere all’istruzione e alla formazione. In particolare: i corsi di Operatore del benessere – Acconciatura, Operatore del benessere – Estetica, Operatore della Ristorazione (Cuoco), Operatore Elettrico (Elettricista).
Si tratta di percorsi di qualità e di valore che favoriscono l’assolvimento dell’obbligo di istruzione, di pari dignità rispetto all’offerta scolastica tradizionale e i titoli rilasciati sono validi su tutto il territorio nazionale. Possono iscriversi i giovani che hanno concluso il percorso di studi della scuola secondaria di primo grado (scuola media) e che hanno un’età compresa tra i 13 e i 17 anni, oppure chi ha frequentato uno o più anni delle superiori e vuole cambiare indirizzo di studi.
I percorsi di qualifica (IeFP) hanno la durata di 3 anni a conclusione dei quali gli studenti sosterranno un esame finalizzato ad acquisire l’attestato di qualifica professionale. Tale titolo consente di accedere ad un quarto anno al fine di conseguire il Diploma Tecnico Professionale.
È inoltre possibile rientrare nel sistema scolastico per ottenere anche un diploma di scuola secondaria superiore. I corsi sono gratuiti, tablet e materiali didattici sono forniti dall’Ente.
Il percorso di formazione è strutturato in due momenti distinti: la didattica d’aula, che ha il duplice scopo di fornire agli allievi una preparazione teorica relativa alle competenze di base ed agli assi culturali della scuola superiore e la preparazione tecnico-professionale attenta alle richieste del mercato del lavoro. Inoltre, al fine di rendere efficace e concreto il percorso, sono realizzati periodi di stage in aziende che operano nei settori professionali di riferimento.
Quest’esperienza permette agli allievi di sperimentare concretamente il ruolo professionale e verificare sul campo le competenze ed abilità acquisite durante la fase teorico-pratica.
Inoltre, i giovani che frequentano un percorso di istruzione presso Futura contemporaneamente possono essere assunti come apprendisti. Si tratta dell’apprendistato di primo livello, un contratto di lavoro finalizzato a favorire l’inserimento dei giovani tra i 15 e i 25 anni nel mondo del lavoro.
Le domande di iscrizione al 1° anno dei percorsi di qualifica triennale, per ragazzi in uscita dalla scuola secondaria di primo grado (terza media), possono essere presentate esclusivamente online, fino al 30 gennaio su www.istruzione.it/iscrizionionline/.

Oltre alla data di open day, la disponibilità a visitare la sede di Trapani è illimitata nel tempo: è sufficiente contattare la segreteria e richiedere un appuntament

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza