Segui i nostri social

Cultura

I cognomi dell’isola di Pantelleria / XVII parte. Da Inglese a La Scala

Orazio Ferrara

Pubblicato

-

 

INGLESE Questo cognome è molto diffuso nel Meridione d’Italia, in particolare nella Sicilia, Campania e Puglia. Per la Sicilia diversi autori propendono per un’origine spagnola, dalla Casata Angles di Maiorca. Gli Angles giunsero in Sicilia al tempo di Federico II e il loro cognome fu presto italianizzato in Inglisi o Inglese. Tale Niccolò Inglese fu tra i baroni di Palermo nel 1343, durante il regno di re Ludovico. Suo figlio Giovanni fu in familiarità con re Martino, che lo appellava “Nobili Ioanne, fideli et familiari nostro”. Arma degli Angles di Spagna: En plata, dos leones andantes, de sable, uno sobre otro. Bordura de azur, con seis flores de lis de oro (D’argento, due leoni andanti, di nero, uno sopra l’altro. Bordura azzurra, con sei fiordalisi d’oro). Arma degli Inglese di Sicilia: Spaccato; al 1° di verde, a due leoni d’oro affrontati sostenenti un giglio d’argento; al 2° d’azzurro e la campagna d’argento, alla fascia rossa attraversante. In Pantelleria ritroviamo il cognome Inglese nell’Ottocento. Antonino Inglese, nato nell’isola nell’anno 1854, sposa Angela Bruscia, dalla quale ha: Vincenza Inglese (n. 1874) sposata con Vincente Collica; Giovanni Inglese (n. 1878) sposato con Antonietta Pinna (n. 1881); Antonino Inglese junior (1880) sposato a Tunisi con Grazia Voi; Maria Grazia Inglese (n. 1883) sposata con Francesco Lagana; Giuseppe Inglese (1886) sposato in Tunisia con Jeanne Strazzera in data 18 giugno 1912 (martedì).

LA CERRA Cognome con specifica diffusione in Calabria, in Campania e nel Trapanese. In Pantelleria lo ritroviamo a fine Settecento, inizi Ottocento. Dominicus o Domenico La Cerra è nominato in un battesimo del 4 novembre 1796. Questo Domenico è coniugato con Maria Campo, da cui ha tre figli: Teresa (n. 1805 – m. 1858), Giuseppe (n. 1808) e Giuseppa. Giuseppe La Cerra sposa Giuseppa Farina (n. 1816), figlia di Antonio Farina e Maria Pace, ed ha un figlio cui pone nome Antonio (n. 1839), che in data 27 luglio 1872 (sabato) contrarrà matrimonio con Maria Gabriele. Teresa La Cerra sposa il 25 novembre 1831 (venerdì) Giombattista Almanza, mentre la sorella Giuseppa La Cerra va in sposa a Giuseppe Valenza, rimasta vedova di quest’ultimo il 23 gennaio 1899 (lunedì) sposerà Giuseppe Belvisi.

LA LETA Cognome originario della Sicilia, nei registri anagrafici di Pantelleria si ritrova spesso trascritto anche Laleta. In Pantelleria il capostipite è tale Domenico La Leta, figlio di Giorgio e Maria Vinci, nato a Palermo circa l’anno 1763. Domenico il 15 novembre 1796 (martedì) sposa Rosalia Fodera,

figlia di Gaetano e Angela Pavia, da cui nascono Francesco, Gaetano, Maria Rosalia e Angela. Francesco La Leta (n. 1797) sposa il 23 novembre 1829 (lunedì) Anna Maria Fedele; Gaetano La Leta (n. 1808) si coniuga con Anna Rizzo in data 10 giugno 1833 (lunedì); Angela La Leta sposa il 5 ottobre 1830 (martedì) Camillo Palmeri; Maria Rosalia La Leta in prime nozze (27 febbraio 1829) sposa Domenico Abbazio e in seconde nozze (26 settembre 1842) Andrea La Scala.

LA SCALA La regione di maggior diffusione di questo cognome è la Sicilia, seguita dalla Calabria. La famiglia fece parte del notabilato delle città di Messina e di Randazzo. I La Scala di Pantelleria sono originari della città di Palermo con Andrea La Scala, nato in quest’ultima città circa il 1805 e sposato in Pantelleria il 26 settembre 1842 (lunedì) con Maria Rosalia La Leta, figlia di Domenico e Rosalia Fodera. Dal matrimonio nasce Anna Di Scala (ma La Scala), la quale contrarrà poi matrimonio in data 23 luglio 1870 (sabato) con Andrea Ferrandes (n. ca 1842). Durante la battaglia di Lissa del 20 luglio 1866, nell’affondamento della corazzata “Re d’Italia” trova la morte il marinaro cannoniere Gioacchino La Scala da Pantelleria.

(17 – continua)

 

Orazio Ferrara

Foto: Arma degli Inglese

Cultura

Pantelleria – Unipant, 29 e 30 aprile M° Cossyro in seminario gratuito su Educazione alle Arti Visive

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Il tanto atteso Seminario tenuto dal Maestro Cossyro, Socio fondatore dell’Unipant, annunciato dallo stesso a novembre alla presentazione dell’Università Popolare di Pantelleria, è stato fissato e si terrà in due giornate lunedì 29 e martedì 30 aprile alle ore 17.00 presso le aule del primo piano della Scuola Elementare di Pantelleria Centro (entrata cancelletto di Via Dante).

Si tratterà di un SEMINARIO DI EDUCAZIONE ALLE ARTI VISIVE in due parti e, per decisione del Direttivo Unipant in accordo con l’Assessora Pineda, sarà offerto gratuitamente alla cittadinanza, unendolo all’offerta progettuale della Democrazia Partecipata finanziata dal Comune di Pantelleria.

In questo Seminario, il Maestro Cossyro ci parlerà dello sviluppo delle Arti Visive dalle origini ai giorni nostri: “Con l’ausilio e la conoscenza della Storia dell’Arte si percorrerà il cammino dell’Umanità,” afferma l’Artista nel descrivere il progetto. “Dai primi esempi di pittura rupestre di Città del Capo fino ai protagonisti più significativi di pittura e scultura, da Fidia a Botticelli, da Caravaggio a Modigliani, passando per le correnti artistiche moderne, dalle Avanguardie del Novecento (Cubismo, Dadaismo, Futurismo, Pop Art, Arte Povera, ecc.) fino ai Neo Ismi dei nostri giorni.”

Un viaggio entusiasmante nell’Arte che vedrà i partecipanti essere parte di una riflessione collettiva con il Maestro sul valore e il significato dell’Arte per la Storia umana e per tutti noi.

Il Seminario avrà una continuazione in estate, per chi vorrà, con un Laboratorio dedicato alla consulenza, consigli tecnici e operativi per quanti hanno talento artistico e vogliono metterlo seriamente a frutto. Sempre in estate, il Maestro Cossyro ha riservato all’Unipant una sorpresa, di cui vi parleremo però più in là.

A tutti i partecipanti verrà rilasciato un Attestato di Partecipazione. Altre info su www.unipant.it.

Leggi la notizia

Cultura

La scrittrice Marinella Tumino, unica siciliana a Parigi al seminario di studi sulla Shoah

Redazione

Pubblicato

il

Pensare e insegnare, ma anche fare memoria. Sono questi i tre cardini principali per ricordare la Shoah. Ciò è anche l’obiettivo principe su cui ruoterà la dodicesima edizione del seminario, Università italiana di 1^ livello del Mémorial de la Shoah, che si svolgerà a Parigi da domenica 21 aprile a venerdì 26. Tantissime le richieste di adesione pervenute da nazionalità diverse di cui sono originari gli aventi diritto che sono stati ammessi a frequentare il corso in base a titoli accademici, riconoscimenti letterari e relative pubblicazioni. In numero di trenta risultano quelli scelti dalle varie regioni d’Italia, dei quali solo una risulta chiamata per la regione Sicilia.

Si tratta di una ragusana: Marinella Tumino, docente di materie letterarie presso un istituto tecnico di Ragusa, ricercatrice indipendente nel campo della Shoah. Non poche le pubblicazioni al suo attivo, tra cui “Quel treno per la Polonia”, 2011, resoconto del viaggio fatto ad Auschwitz insieme ai suoi studenti; “L’urlo del Danubio”, 2018, giunto alla terza edizione e vincitore di diversi premi.

Il seminario di studi, cui parteciperà Marinella Tumino, si terrà presso il Mémorial de la Shoah che si trova nei pressi del bellissimo quartiere storico del Marais. Il programma prevede conferenze magistrali, workshop e visite guidate (anche al Mémorial de la Shoah di Drancy).

“Sono emozionata – commenta Marinella Tumino – e pienamente soddisfatta per essere stata ammessa al seminario di studi e mi inorgoglisce essere l’unica proveniente dalla Sicilia. Saremo nei pressi del Marais che è un quartiere di Parigi situato sulla riva destra della Senna. È un luogo ricco di storia, arte, cultura, tendenze e spirito bohémien. Qui si trovano siti culturali di grande rilevanza. Tra i suoi palazzi nobiliari, si snoda anche un quartiere ebraico di tutto rilievo”.

 

Giuseppe Nativo

Leggi la notizia

Cultura

Mario Venuti dal 19 aprile con il nuovo album “Tra la carne e il cielo”

Direttore

Pubblicato

il

 

Venerdì 19 aprile esce in digitale e in fisico “TRA LE CARNE E IL CIELO”, undicesimo album in studio del cantautore MARIO VENUTI (etichetta MICROCLIMA – pre-save https://mariovenuti-tralacarne.crd.co/, pre-order cd e vinile https://mariovenuti-tralacarne.crd.co/).

 

Un lavoro che affronta senza filtri tematiche di critica sociale in un gioco virtuoso di contrasti con sound, ritmi e strumenti musicali che dipingono contaminazioni sonore ricercate e sorprendenti.

Fil rouge la voce di Mario, capace di creare naturalmente intimità e di accompagnare l’ascoltatore nella perenne tensione “tra la carne e il cielo”.

 

«In questa foto con mia sorella ritrovo tutta la gioia di due bambini immersi nel gioco divertente e pericoloso della vita. E forse è proprio il bambino, che rappresenta inconsapevolmente il ponte tra la sensualità del mondo e la purezza del cuore, l’equilibrio tra la carne e il cielo».

 

Con queste parole Mario Venuti racconta la foto di famiglia scelta per la copertina del suo nuovo progetto discografico (crediti cover: Francesco Barrera).

 

SPOTIFY Mario Venuti

INSTAGRAM @mariovenutiofficial FACEBOOK @MarioVenutiOfficial  

YOUTUBE  @MarioVenutiOfficial  TIKTOK @mariovenutiofficial  

https://linktr.ee/mariovenuti

#tralacarneeilcielo
 

Milano, 12 aprile 2024

 

Ufficio stampa: Parole & Dintorni Sara Testori – sara.testori@paroleedintorni.it – 02.20404727

Promo Radio e Tv: Parole & Dintorni Stefano Seresini – stefano.seresini@paroleedintorni.it

Servizi digitali: THE WEB ENGINE di Giuseppe Fisicaro

Personal Management: Luisa Michienzi (luisa@mariovenuti.com)

 

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza