Segui i nostri social

Sanità

Elezioni, Sanità – Diabete: in aumento complicanze come cecità e dialisi. Appello della Simdo ai candidati per potenziare assistenza ai pazienti

Redazione

Pubblicato

-

Provenzano: «Mettere sotto i riflettori delle nuove legislazioni nazionali e regionali, il contrasto della malattia sociale più importante e diffusa degli ultimi anni»

Aumento dei casi di cecità, delle dialisi, il ritorno del piede diabetico, insufficienza renale, anomalia nelle gravidanze con malformazioni tutte queste complicanze sono conseguenza delle lacune nell’assistenza ai malati negli ultimi anni in cui la priorità è stata la lotta al Covid. La SIMDO, Società italiana metabolismo, diabete, obesità, ha inviato una lettera al ministero della Salute, all’assessore alla Sanità della Regione Siciliana e ai candidati alle prossime elezioni regionali siciliane per rimettere al centro dell’agenda politica la questione e potenziare l’assistenza ai pazienti diabetici.

Il commento del presidente di Simdo, Vincenzo Provenzano

«La pandemia da Covid-19 e l’emergenza sanitaria che tutto il comparto medico ha vissuto e gestito in questi ultimi tre anni, – ha affermato il presidente di SIMDOVincenzo Provenzano – ha senza dubbio determinato gravi lacune all’assistenza dei pazienti diabetici, in particolar modo ai bambini e ai nuovi casi, con evidenti riflessi su quelle che sono le terribili complicanze del diabete stesso, determinando il ritorno del piede diabetico, all’aumento dei casi di cecità, all’aumento dei casi dialisi, insufficienza renale, anomalia nelle gravidanze con malformazioni etc.».

Le proposte di Simdo alla politica

L’appello della SIMDO, fautrice già di un documento con proposte per la buona salute del paziente diabetico inviato e presentato al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), è quello di ricostruire la Commissione nazionale e regionale del diabete, operante in stretta connessione con il ministero della Salute, per stilare soluzioni operative atte a risolvere il gap assistenziale creato in questi ultimi tre anni a causa dell’emergenza sanitaria.

La SIMDO inoltre, per sopperire alle lacune nell’assistenza dovute al Covid, propone di istituire da subito un programma nazionale e regionale di prevenzione al diabete e all’obesità, incrementando i fondi della digitalizzazione della cartella diabetologica italiana, per un Registro nazionale del diabete. E, ancora, di mettere in rete i centri, rafforzando la sanità territoriale in ambito diabetologico, con case di cura e ospedali di comunità, per integrare ospedali e territorio, con la compresenza medici di medicina generale, diabetologi, cardiologi, nefrologi, oculisti, associazioni di volontariato.

«Questo accorato appello della SIMDO – conclude Provenzano – nasce per mettere sotto i riflettori delle nuove legislazioni nazionali e regionali, il contrasto e la gestione più opportuna della malattia sociale più importante e più diffusa degli ultimi anni».

Sanità

Richiamata Fontina Dop contaminata. Ecco dov’è distribuita a Pantelleria

Redazione

Pubblicato

il

Formaggio Dop richiamato per contaminazione da Escherichia coli

I supermercati Conad hanno richiamato un lotto di Fontina Dop contaminata da Escherichia coli
di Monia Sangermano da Meteoweb.eu

 

 
 
Conad ha segnalato sul proprio sito web, il richiamo in via precauzionale di un lotto di fontina Dop a marchio Sapori&Dintorni. La misura si è resa necessaria per la possibile presenza di Escherichia coli, riscontrata in seguito controlli di routine pianificati. Il formaggio in questione è venduto in confezioni da 200 grammi con il numero di lotto C299103596 e la data di scadenza 09/01/2023 (codice EAN 8003170040878).

  
  
La fontina Dop richiamata è stata prodotta per Conad Soc. Coop. dalla Cooperativa Fontina S.C. A scopo cautelativo, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, raccomanda di non consumare il formaggio con il numero di lotto segnalato. I consumatori sono invitati a restituirlo al punto di vendita d’acquisto, dove si provvederà alla sostituzione con un altro prodotto o al rimborso.

Leggi la notizia

Sanità

Castelvetrano, On. Catania (FdI) denuncia all’Assessore Volo stato Ospedale Vittorio Emanuele

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

OSPEDALE CASTELVETRANO, ON. CATANIA (FdI): «IN COMMISSIONE SALUTE ATTUALE SITUAZIONE NOSOCOMIO»

«Ho denunciato all’Assessore alla salute Giovanna Volo l’attuale situazione dell’ospedale “Vittorio Emanuele II” di Castelvetrano e il suo declassamento in atto secondo il Piano regionale sanitario». Lo ha detto l’onorevole regionale Nicola Catania (FdI) che questo pomeriggio ha partecipato, in qualità di capogruppo vicario FdI, alla seduta dalla Commissione Salute, servizi sociali e sanitari dell’Assemblea regionale siciliana. «Il Presidente Giuseppe Laccoto si è impegnato a convocare una specifica seduta della Commissione per trattare la questione del nosocomio del Belìce», ha detto ancora Catania.

Durante i lavori è stata anche affrontata la tematica legata al personale sanitario precario assunto durante la pandemia Covid: «L’Assessore ha assicurato che vi sarà una proroga transitoria in attesa di una norma nazionale che è già oggetto di attenzione del Parlamento nazionale», ha detto l’onorevole Catania. Si è anche parlato dell’ospedale “Paolo Borsellino” di Marsala «che dovrà tornare alla sua piena funzionalità dopo il periodo di conversione in struttura Covid», ha puntualizzato l’onorevole Catania.

Leggi la notizia

Cronaca

Palermo, auto diventa sala parto: donna partorisce in strada davanti agli altri figli

Direttore

Pubblicato

il

Era diretta in auto a scuola per accompagnare i tre figlioletti, quando, ad un certo punto, ha capito che qualcosa non andava: era in procinto di partorire.
Decideva, così di cambiare destinazione, per raggiungere la clinica Triolo. La ventottenne è riuscita a chiedere soccorso ai medici, mentre le contrazioni si sono ravvicinate al punto di farla partorire subitaneamente, per strada.
Spettatori della singolare ma anche emozionante scena i figli della palermitana che gioiosi hanno manifestato subito calore al fratellino appena arrivato.
  
  
“Il piccolo sta bene. I neonatologi si sono presi subito cura del bimbo – dice Luigi Triolo responsabile del reparto di ostetricia e ginecologia della clinica Triolo Zancla dove si trova adesso ricoverata la donna – La donna durante il tragitto da casa a scuola ha avuto dei piccoli dolori e subito a compreso che aveva bisogno di aiuto. Una decisione saggia che ha consentito ai medici di arrivare in tempo e soccorrere la donna anche se in auto. Sono episodi che si verificano. Abbiamo già visitato la mamma e per lei non ci sono state complicazioni. Mamma e bimbo stanno bene“.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza