Segui i nostri social

Economia

Caro bollette, SEA Favignana : “Pronti a supportare la popolazione nei limiti di legge di ARERA, Acquirente Unico e GSE”. La risposta al consigliere comunale Sammartano

Matteo Ferrandes

Pubblicato

-

“Grazie a Francesco Sammartano per aver dato a SEA Favignana la possibilità, a seguito dell’appello lanciato, di esprimere la più totale disponibilità nei confronti dei cittadini, nei limiti delle azioni consentite”: è il commento che la Società Elettrica rivolge al consigliere comunale in merito all’allarme legato all’incremento dei costi energetici in atto anche nell’isola egadina.  

Una vera e propria emergenza che SEA condivide e della quale è perfettamente consapevole, come più volte sottolineato, ma la cui risoluzione è comunque sottoposta al vincolo dei limiti di legge prestabiliti da enti regolatori quali ARERA, Acquirente Unico e Gestore dei Servizi Energetici.

Ed è proprio questo l’elemento imprescindibile del confronto con gli esponenti delle istituzioni che, legittimamente, sollevano la criticità e chiedono soluzioni.

“SEA Favignana – spiega la stessa  Società – può semplicemente limitarsi ad applicare direttive, peraltro imposte, quali la dilazione dei pagamenti, che non appare tuttavia la soluzione più adeguata per risolvere i disagi”.
Su quest’ultimo punto, infatti, è la stessa Società a precisare, a seguito di opportune verifiche, che la rateizzazione dei costi non sempre risulta agevole per gli utenti.
“Condividiamo, oggi come nei mesi scorsi – dichiara la Società Elettrica di Favignana – il disagio generale dei consumatori alle prese con l’incremento senza precedenti del costo delle bollette imposto dall’Autorità per l’Energia”.

“Ma è l’ARERA – sottolinea SEA – a stabilire con cadenza trimestrale le tariffe e pertanto la produzione, la distribuzione e la vendita di energia da parte della Società avvengono sotto il totale controllo dell’ente governativo che vigila, regolando tutte le modalità di esecuzione dell’attività, in regime di maggior tutela”.
“In virtù della funzione che ricopre – chiarisce la Società – SEA Favignana ha il dovere di informare costantemente l’utenza sull’andamento tariffario dell’ARERA, sulle agevolazioni possibili in considerazione delle condizioni per il mercato tutelato, ma anche sugli aspetti che afferiscono alle Isole minori non interconnesse”.
Condizioni che non consentono ancora l’applicazione del cosiddetto “libero mercato” in assenza, a oggi, di una specifica regolamentazione sviluppata dagli enti governativi di competenza e relativa al sistema di dispacciamento.

L’isola di Favignana, infatti, rientra nell’ambito di una regolamentazione specifica ed  è attualmente gestita con la tariffa del mercato di “maggior tutela”, appunto.
Molti collaboratori della Società che lavorano in prima linea con l’utenza, tra l’altro, hanno gestito non poche difficoltà legate alla situazione in corso.
“Certo è – conclude la Società – che i lavoratori, incolpevoli, sono semmai a servizio dei cittadini e impegnati, nella misura in cui è possibile, nella risoluzione dei loro problemi”.

 

Economia

Prezzo della Benzina ai minimi storici: i motivi del calo

Redazione

Pubblicato

il

Nel 2023, il prezzo della benzina è sceso a 1,20 € al litro, un minimo storico non visto dall’inizio della pandemia nel 2020. Fattori principali che hanno influenzato questa riduzione sono il crollo della domanda di petrolio e la riduzione dei margini di distribuzione.

Calo Prezzo Benzina: come è cambiato negli ultimi anni

I prezzi della benzina hanno visto una significativa fluttuazione negli ultimi anni. Prendendo ad esempio i dati degli ultimi tre anni, il costo medio della benzina nel 2021 era di 1,30 € al litro. Questo prezzo è aumentato nel 2022, raggiungendo 1,50 € al litro, a causa dell’instabilità del mercato del petrolio e delle tensioni geopolitiche. Tuttavia, nel 2023, si è osservata una riduzione sostanziale, con il prezzo medio che è sceso a 1,20 € al litro. Questa tendenza al ribasso riflette una combinazione di fattori, inclusa la diminuzione della domanda globale di petrolio e l’effetto delle politiche energetiche più sostenibili.

Crollo della Domanda di Petrolio

 
La domanda di petrolio ha subito un calo significativo, influenzato da diversi fattori macroeconomici e da un cambio nelle abitudini dei consumatori. L’agenzia Internazionale dell’Energia ha riportato che la domanda globale di petrolio ha visto una riduzione del 3% nel corso dell’ultimo anno. Questo calo è in parte dovuto alla crescente adozione di veicoli elettrici e alla maggiore sensibilità verso le alternative sostenibili. Inoltre, il rallentamento economico in grandi economie come la Cina e l’Europa ha contribuito a una minore richiesta di carburanti fossili.

 

Riduzione dei Margini di Distribuzione

 I margini di distribuzione, che comprendono i costi di trasporto, stoccaggio e vendita al dettaglio della benzina, hanno registrato una diminuzione. Questo fenomeno si spiega principalmente con l’efficienza operativa migliorata e con la riduzione dei costi logistici. Ad esempio, molte compagnie petrolifere hanno ottimizzato le loro operazioni di catena di approvvigionamento per adattarsi a un ambiente di mercato più competitivo, riducendo così i loro margini di distribuzione.

Costo della Benzina: previsioni e prospettive future

 Nonostante il calo attuale dei importo della benzina, il mercato rimane volatile e soggetto a rapidi cambiamenti. La continua evoluzione delle politiche energetiche, unita alle incertezze economiche globali, potrebbe portare a nuove fluttuazioni dei prezzi. Monitorare questi sviluppi sarà cruciale per comprendere le future tendenze dei prezzi del petrolio e della benzina. Inoltre, la transizione verso fonti energetiche più sostenibili potrebbe influenzare la domanda di petrolio a lungo termine, modellando così il panorama energetico globale.

 
 
Fonte: https://www.prontobolletta.it/

Leggi la notizia

Economia

Famiglia riceve 1161 euro per volo cancellato Ryanair Torino Trapani

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Nella recente sentenza pronunciata dal Giudice di Pace di Trapani si è concluso il contenzioso civile che vedeva coinvolta la compagnia aerea Ryanair. La causa ha visto la parte ricorrente ottenere ragione per la cancellazione del volo FR5904 del 19 maggio 2023, con tratta Torino Trapani. ItaliaRimborso, agendo per conto di una famiglia di Torino di tre membri, ha avanzato richiesta di compensazione pecuniaria, oltre alle spese extra sostenute.

La decisione del Giudice è stata motivata dalla documentazione provata, che dimostra l’acquisto del biglietto per il volo in questione e la sua successiva cancellazione, senza cause eccezionali che potessero giustificarla. La sentenza si basa sulle disposizioni del Regolamento CE n. 261/04, che disciplina i diritti dei passeggeri in caso di cancellazione del volo. Secondo questo regolamento, i passeggeri hanno diritto a un’assistenza adeguata da parte del vettore e, in caso di cancellazione senza giustificazione, anche a una compensazione pecuniaria.

La sentenza

Il Giudice ha riconosciuto quindi ai ricorrenti il diritto a una compensazione pecuniaria di 250 euro per ciascun passeggero, oltre a 411 euro a titolo di danni patrimoniali per l’acquisto di nuovi biglietti, per un totale di 1161 euro. La sentenza sottolinea il diritto dei passeggeri alla tutela dei loro interessi in caso di inadempimento contrattuale da parte delle compagnie aeree e conferma l’importanza delle normative europee a tutela dei diritti dei consumatori nel settore del trasporto aereo. «ItaliaRimborso – commentano dalla claim company – desidera esprimere la propria soddisfazione per la recente sentenza emessa dal Giudice di Pace di Trapani nei confronti di Ryanair. La sentenza rappresenta un importante risultato nella tutela dei diritti dei passeggeri.

Questa sentenza riafferma l’importanza della normativa europea a tutela dei passeggeri aerei e sottolinea l’obbligo delle compagnie aeree di rispettare i diritti dei propri clienti anche in situazioni di cancellazione o ritardo dei voli. ItaliaRimborso continuerà a impegnarsi per garantire la tutela dei diritti dei passeggeri e ad agire in difesa dei propri clienti in caso di violazioni contrattuali da parte delle compagnie aeree».

Leggi la notizia

Economia

Campagna apistica 2023-24, pubblicate le graduatorie: aiuti per oltre 400 beneficiari

Direttore

Pubblicato

il

Presidenza della Regione
Approvate e pubblicate le graduatorie definitive del bando rivolto agli apicoltori per la presentazione dei progetti finalizzati alla realizzazione di “Azioni dirette a migliorare la produzione e la commercializzazione del miele” per la campagna apistica 2023-24 della Regione Siciliana.

Sono 435 in tutto i beneficiari delle sette azioni (A1, A2, B1, B2, B3, B4, B5, F1) previste dal bando le cui domande sono state ammesse al contributo che prevedeva una dotazione finanziaria complessiva di 1.065.750 di euro nell’ambito del Piano strategico Pac 2023-27.

Il bando, a cura del dipartimento regionale dell’Agricoltura,  era finalizzato alla presentazione dei progetti relativi a servizi diretti agli apicoltori e alle loro organizzazioni, anche tramite la creazione di reti di assistenza tecnica, di consulenza, formazione, informazione e scambio delle migliori prassi.

 

Al seguente link gli elenchi dei beneficiari ammessi delle otto azioni previste e quello degli esclusi.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza