Segui i nostri social

Cultura

“Caccia alle uova di Cioccolato” la festa di Pasqua per i bambini di Pantelleria

Direttore

Pubblicato

il

Il 18 aprile doppio appuntamento organizzato dal Dplanet per i bambini di Pantelleria, con l’evento “Caccia alle uova di cioccolato”.

  • ore 16 inizia la caccia presso il bar Tiffany, in Piazza Almanza
  • ore 18 tutti in ludoteca, presso la Sala Esposito.

La partecipazione è su prenotazione per un evento in allegria, colorato e goloso.

Per contatti visitate anche l’evento pubblicato su Facebook:Caccia all’uovo di Cioccolato

 

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cultura

Grande successo per Trapani Comix and Games

Direttore

Pubblicato

il

Temperature estive, colori, emozioni, la prima giornata del Trapani Comix and Games si è chiusa nel segno di Cristina D’Avena, che ha incantato il pubblico di giovani e meno giovani con il suo concerto, che si ripeterà anche stasera, sabato 21 maggio. Nel pomeriggio incontrerà i fan e firmerà le copie del suo libro “Il giardino delle Fiabe”. Stasera, il Gran Galà del Trapani Comix and Games alla Casina delle Palme. La ricchezza del Trapani Comix, che continuerà fino a domenica 22 maggio, nella magica atmosfera della Villa Margherita, sta nella varietà del pubblico che vi prende parte: famiglie, ragazzi, in costume e non, curiosi di ogni tipo.
L’Artist Valley incanta i visitatoridisegnatori, illustratori, coloristi affermati, ma anche giovani emergenti, all’opera per realizzare dediche, disegni, tavole originali. Il centro nevralgico è la fiera con oggettistica di ogni tipo, gadget, t-shirt, fumetti e manga, graphic novels, letteratura fantasy, snack orientali e americane, bibite di ogni gusto e dolcissime tentazioni provenienti da tutto il mondo. Tanti gli ospiti che si alterneranno sul palco del Trapani Comix Theatre. I talk saranno trasmessi in diretta streaming sul sito e sui social della manifestazione. Evento clou sarà la Cosplay Italian Cup 2022, prevista per domenica 22 maggio alle ore 17.00. La Cosplay Italian Cup, organizzata da Epicos, in collaborazione con Movieland, eleggerà il nuovo Campione Italiano di Cosplay tra i vincitori di tutti gli Epic Cosplay Contest presenti nelle Fiere italiane. Special guest della domenica, alle ore 19.00, saranno i Soldi Spicci.

La poliedricità è il tratto distintivo del Trapani Comix. Non solo fumetti ma anche l’area medievale con stand in cui poter assaggiare antiche bevande aromatizzate, acquistare gioielli, abiti, libri e sculture. L’area orientale dedicata al Sol Levante. Alberi di ciliegio ricolmi di tutte le sfumature del rosa, un giardino zen con installazioni, uno stage dedicato alle idol e maid che si esibiranno nelle loro performance dal vivo. Non mancheranno i peccati di gola grazie alla presenza di stand che porteranno un po’ di Asia con i loro sfiziosi preparati.

Ed ancora l’area tecnologica, in cui provare strumentazione di ultima generazione e immergersi nella realtà virtuale e aumentata, vivendo avventure coinvolgenti e interattive in prima persona. Visori, occhiali, simulatori di guida: questo è lo scenario. In quest’area si gioca da soli o in compagnia di amici nei pc da gaming o nelle console. Sarà possibile vivere la magia dei giochi di ruolo e giochi di carte, con tornei dedicati. Presente anche uno spazio dedicato ai Twitch streamer e agli YouTubers con seminari, workshop, convention, dimostrazioni, contest e interviste.

Il Trapani Comix and Games è amore per il passato – che siano i ruggenti anni ’90 oppure il Medioevo di dame e cavalieri – ma sguardo puntato verso il futuro. La manifestazione è ideata e organizzata dai Nerd Attack in collaborazione con il Luglio Musicale Trapanese e aziende del territorio, con il patrocinio del Comune di Trapani e dell’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione Siciliana. È possibile scaricare il programma e la mappa dell’evento sul sito www.trapanicomix.com o consultare le pagine Facebook e Instagram del Trapani Comix

LE MOSTRE “Heroes”, dal 20 al 22 maggio alla Villa Margherita e dal 23 al 27 maggio, al Palazzo CavarrettaOltre dieci pannelli realizzati da fumettisti, illustratori e disegnatori del Trapani Comix and Games, nel segno di Giovanni Falcone. La mostra ha ricevuto il patrocinio gratuito dell’ANM (Associazione Nazionale Magistrati), dell’Ordine degli Avvocati di Trapani, del Rotary e Rotaract di Trapani e del Comune di Trapani.

“Le Arti Figurative all’interno della musica – Da Andy Warhol a Zerocalcare”: trenta copertine di vinili, album o singoli realizzati da diversi artisti attraversando uno spaccato di vita culturale del nostro paese.  A cura dello speaker radiofonico e dj Filippo Barbaro.

“Forti Insieme”: una selezione di tavole di Giulio Mosca, in arte il Baffogram. Celebrazione di uno dei più influenti fenomeni social degli ultimi anni.

IMMAGINI TV INAUGURAZIONE
Leggi la notizia

Cultura

Lillo di Pantelleria dedica una poesia a “L’ape”

Direttore

Pubblicato

il

Ieri si è celebrata la prima Giornata Internazionale delle Api e a Pantelleria si è dedicato molto spazio e impegno specie da parte del Parco, all’argomento, al punto da firmare una dichiarazione sulle api selvatiche.

Così abbiamo commissionato al nostro poeta Lillo di Bonsulton di tracciare dei versi in vernacolo sull’importanza dell’esistenza e della tutela di questo straordinario insetto per la sopravvivenza del pianeta. E lui ci ha accontentato.

 

( ( L ‘ A P E …!!🤔 ) )

Chist’apuzza chi viditi Sbulazzari di cca e’ ddra, E’ la nostra garanzia Di campari in verita’!!🤔

Pirchi s’jddra chiu’ “un sbulazza E chiu’ scjuri ” un va’ a sukari, Poviru omu sulla terra Tu ai finutu di campari…

Chistu e un fattu risaputu E nun c’esti di schirzari, Quattru anni sulamenti All’omu resta di campari,!!🤔

E’ nun c’e’ nuddru scjenziatu Chi stu’ fattu po’ cancjari, Pirchi cca esti a natura Chi va’ tuttu a cumannari…

Percio’ omu deficjenti Chisti l’aria a mmilinari, Grapi bonu u’ t’ho cirveddru E assaj tantu vaj a pinsari,!!🤔

L i l l o di bonsulton —————————-

Leggi la notizia

Cultura

E’ uscita l’ultima opera di Orazione Ferrara “Quell’anno del ’43 / I giorni di guerra in un paese del Sud”

Redazione

Pubblicato

il

Quell’anno del ‘43 Quei giorni di guerra di quel cupo e tragico anno del ’43 furono per gran parte delle popolazioni del Sud Italia, in particolare per quelle della Campania e significativamente del Napoletano e del Salernitano, un vero e proprio orrorifico incubo, in cui la speranza di uscirne in qualche modo vivi ai più sembrava una mera chimera. Questa volta la guerra era in casa, anzi casa per casa, con il suo strascico di morti e distruzioni.

Anche il nemico in quei giorni non era per niente chiaramente individuabile.

Tutto era offuscato e caotico: l’alleato di ieri diventava il nemico (e che nemico!) di oggi, e il nemico di appena ieri si attendeva, a braccia aperte, come liberatore. In quelle contrastate battaglie all’ultimo sangue di quei giorni confusi e terribili la gloria e il valore dei soldati di ambedue le forze contendenti furono ben poca e misera cosa a fronte alle cataste di morti civili innocenti e alle immani distruzioni materiali e morali, che segnarono come indelebili scudisciate la faccia di quelle popolazioni.

Troppo spesso, ci si dimentica che la grande Storia è fatta di tante piccole storie, intrecciate tra loro in una trama fittissima, senza queste ultime nemmeno esisterebbe la Storia e tantomeno essa avrebbe per noi un senso compiuto. Sono proprie le piccole storie a creare quell’empatia, che ci permette poi di comprendere i singoli avvenimenti in un più vasto disegno. Come la piccola storia narrata da un anziano, allora appena ragazzotto quindicenne, che visse quei giorni tra una continua e insaziabile fame e una curiosità irrefrenabile, che quasi sempre la vinceva persino sulla fame. Che con i suoi occhi sgranati per la meraviglia vedeva passare, nella stretta strada dove abitava, i mastodontici carri armati di una divisione panzer tedesca e guardava sbalordito e ammirato quei giovani carristi tedeschi affacciati alla torretta, solo di qualche anno più grandi lui. E quasi quasi provava invidia. Ignorava allora che quei giovanissimi andavano a morire nell’assolata e desertica piana di Paestum. Erano comunque e sempre i giorni di guerra di quel cupo e tragico anno del ’43.

Orazio Ferrara – Quell’anno del ’43 / I giorni di guerra in un paese del Sud – IBN Editore, Roma, 2022; IBN Editore, Via dei Marsi, 57 – 00185 Roma, Tel & Fax: 0039 06 4452275 – 0039 06 4469828 – email: info@ibneditore.it

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency