Segui i nostri social

Ambiente

Aumento del consumo dei surgelati: più costi in bolletta e inquinamento

Redazione

Pubblicato

-

Nel 2021 gli italiani hanno ancora aumentato il consumo dei prodotti surgelati, proprio in questo periodo di caro energia e crisi ambientale, risulta una notizia negativa e che peggiora il momento di caro bollette.

La catena del freddo infatti ci permette di consumare prodotti di origini remote e fuori stagioni, ma ad un costo ambientale e in bolletta che non può essere ignorato. A maggior ragione in un momento in cui vengono imposte riduzioni di consumi energetici per l’alto costo del kWh e si prospettano ancora difficoltà energetiche nel prossimo futuro.

Aumento Consumi dei surgelati

Secondo l’ultimo report dell’Istituto Italiano degli Alimenti Surgelati (IIAS) gli italiani nell’ultimo anno hanno aumentato il livello dei consumi dei prodotti alimentari surgelati, che segue già ad un aumento record per il periodo del 2020. In questi anni infatti vi era stato un aumento notevole di consumi per il surgelati, anche nonostante i ristoranti siano stati per molto tempo chiusi o ad attività ridotta.  Solo nel 2020 sono state consumate quasi 600 mila tonnellate di cibo surgelato venduto alle famiglie italiane, arrivando a praticamente 900 mila tonnellate di cibo surgelato includendo anche le attività commerciali e di ristorazione.

Seppur questi dati potevano essere giustificati anche dal cambio inevitabile dei comportamenti di acquisto degli italiani a causa del confinamento dovuto al covid, non sono migliorati con il 2021.

Il 2021 infatti ha portato ancora un aumento del 5% su queste cifre. In particolare in totale nel 2021 sono state consumate 940 mila tonnellate di cibo congelato, una cifra che porta a poter affermare che, in media, ogni italiano abbia consumato 16 kg di cibo congelato in quell’anno, 0,8kg in più rispetto al 2020.

I vegetali sono la fetta maggiore di questo mercato con più di 250 mila tonnellate nel 2021, seguono i prodotti ittici (pesce, molluschi e crostacei) a 115 mila tonnellate all’anno. In terza posizione troviamo pizze e snack che si avvicinano alle 100 mila tonnellate di cibo. Particolarmente impressionante la quantità delle patate surgelate consumate: 83 mila tonnellate l’anno, un prodotto a lunga conservazione che potrebbe essere facilmente consumato fresco.

Tutto questo porta ad un un mercato che ormai vale tra i 4,6 e i 4,8 miliardi di euro in Italia.

Ma questo consumo di surgelati, quanto costa ?

Molto! Infatti se si pensa al mercato energetico del momento,  con gli aumenti del prezzo dell’energia elettrica e l’aumento del consumo energetico per l’aumento della catena del freddo.

Basti pensare che ad oggi, i nuovi prezzi ARERA per il mercato tutelato e le sue offerte luce si fermano a 0,2959 €/kWh, uno dei prezzi più alti degli ultimi mesi e, soprattutto degli ultimi anni! Con questi prezzi, un piccolo congelatore casalingo di appena mezzo metro cubo di volume porta a un costo aggiuntivo di oltre 30 euro al mese con questa tariffa con una potenza di 300W e una durata mensile di 300 ore di attività ( i più moderni congelatori si attivano e disattivano per mantenere la temperatura costante). Questo aumento del consumo dei surgelati ha portato anche ad un aumento del 16,8% nel 2020 e 2021 di congelatori  e di frig

oriferi con congelatori incluso con relativo aumento dei consumi per molte famiglie italiane.

Non solo le famiglie! Anche il pianeta paga per il consumo dei surgelati!

Il problema della catena del freddo è l’inquinamento. Per ogni 30 kg di prodotti surgelati si possono calcolare 390 kg di anidride carbonica secondo l’IIAS per l’intero processo di produzione, trasporto, refrigeramento e stoccaggio. Si può facilmente quindi calcolare come rispetto allo scorso anno sono state emesse 650 mila tonnellate di CO2 solo per la catena del freddo.

Fonte: https://www.prontobolletta.it/news/aumento-consumo-surgelati-costi-bolletta-inquinamento/

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ambiente

Gangi, prevenzione e lotta agli incendi: attivata vasca approvvigionamento elicotteri

Redazione

Pubblicato

il

GANGI, PREVENZIONE E LOTTA AGLI INCENDI: ATTIVATA VASCA PER APPROVVIGIONAMENTO ELICOTTERI

E’ stata collocata ed è attiva, in contrada Piano, dentro il foro Boario nel Comune di Gangi, una vasca per finalità antincendio dalla capienza di 30 mila litri necessaria per almeno 16 lanci.

La vasca è stata installata dal Comune di Gangi che ha messo a disposizione l’area e una piattaforma idonea oltre alla fornitura di acqua. Il Corpo Forestale della Regione Siciliana ha, invece, fornito la vasca che sarà utilizzata come punto di approvvigionamento idrico da parte degli elicotteri del Servizio Antincendio.

“E’ un importante presidio per contrastare gli incendi che ogni anno devastano la nostra regione – ha detto il sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarello – un ringraziamento va al comandante del distaccamento della Forestale di Gangi Francesco Notararigo, al corpo forestale della regione Sicilia, ai dipendenti del comune di Gangi, l’architetto Giovanni Vena e al geometra Tonino Canalicchio”.

Leggi la notizia

Ambiente

L’attività di formazione professionale al Comando VV.F. di Trapani non ha sosta

Redazione

Pubblicato

il

Concluso ieri 11 luglio tirocinio tecnico-operativo dei sei Ispettori Antincendi del XV CORSO

Il Comandante Antonino Galfo unitamente ai Funzionari tecnici e al personale operativo di servizio, stamattina ha voluto porgere il suo saluto ai giovani Ispettori Antincendi trapanesi che hanno seguito con grande entusiasmo il periodo di affiancamento ai colleghi anziani del Comando, acquisendo una serie di consigli e competenze nei settori del Soccorso Tecnico, nella Prevenzione e nella Vigilanza Antincendio e negli altri numerosi e variegati compiti in cui si cimentano quotidianamente i Vigili del fuoco.
Il Comandante ha augurato ai giovani colleghi ispettori di continuare la loro carriera con lo stesso entusiasmo e con la voglia di fare sempre al meglio il fantastico mestiere del Vigile del Fuoco, raggiungendo tanti successi professionali.

Il 18 luglio nella meravigliosa cornice delle Scuole Centrali Antincendi di Capannelle e alla presenza delle alte cariche del Ministero dell’interno si svolgerà la cerimonia del Giuramento.
Poi via con l’assegnazione l’assegnazione nei vari Comandi dei vigili del fuoco d’Italia.

Leggi la notizia

Ambiente

San Vito, spiaggia libera restituita alla collettività

Redazione

Pubblicato

il

La spiaggia di San Vito Lo Capo liberata dalle attrezzature abbandonate e non

presidiate, tra cui asciugamani, ombrelloni, porta ombrelloni, gonfiabili di varia natura

ed altra oggettistica varia

Questo è il risultato dell’operazione di controllo congiunta svolta questa mattina dal
personale della Guardia Costiera, Carabinieri e Polizia Municipale di San Vito Lo
Capo, che hanno pattugliato l’intero litorale della rinomata località turistica per
prevenire e sanzionare comportamenti illeciti perpetrati sulla spiaggia, rivolti
all’abusiva occupazione di spazi liberi in assenza dei rispettivi turisti ed avventori.

Tutte le predette attrezzature abbandonate e lasciate incustodite sulla spiaggia sono
state immediatamente rimosse per liberare il tratto di costa e renderlo nuovamente
fruibile a tutti i bagnanti, che non sono stati più costretti a trovare postazioni lontane
dalla riva del mare o decentrate rispetto all’intero litorale.

La predetta attività ha consentito alla collettività di occupare liberamente i posti più
graditi sulla sabbia, senza essere costretti a spostarsi e camminare per kilometri al
fine di trovare un luogo libero dove fermarsi.
Al contempo, i controlli svolti hanno permesso di far rispettare il divieto per i
noleggiatori di attrezzature balneari, del pre-posizionamento sull’arenile di ombrelloni,
sdraio e lettini ad inizio giornata ed in assenza dei singoli avventori e turisti che li
noleggiano.

Oltre ad ostacolare il libero accesso dei cittadini a spazi pubblici, l’occupazione
irregolare con ombrelloni, lettini e qualsivoglia altra attrezzatura da spiaggia genera un
indebito profitto per gli occupanti, un mancato introito per l’Ente proprietario del
demanio marittimo ed una distorsione della concorrenza verso tutti quei gestori
rispettosi delle norme e che versano correttamente i relativi canoni demaniali.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza