Segui i nostri social

Cronaca

Alcamo, estorsione aggravata in concorso i reati contestati dai Carabinieri a 39enne pregiudicato

Redazione

Pubblicato

-

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alcamo, in esecuzione di un’ordinanza applicativa di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Trapani su richiesta della locale Procura, hanno tratto in arresto un trentanovenne alcamese, già gravato da precedenti per reati contro la persona e il patrimonio, per l’ipotesi di reato di estorsione aggravata in concorso.

 

L’ordinanza è scaturita a conclusione di una dedicata attività investigativa avviata in relazione ad un presunto caso di estorsione di cui l’arrestato si sarebbe reso autore insieme al proprio figlio appena maggiorenne, nello scorso mese di aprile. In particolare, secondo quanto ricostruito dai militari dell’Arma, l’uomo si sarebbe recato presso un cantiere edile armato di un palanchino con cui avrebbe minacciato gli operai presenti al fine di farsi consegnare del materiale ferroso che, a suo dire, gli stessi avevano promesso di dargli.

 

Nella circostanza, uno dei presenti, intimorito dall’atteggiamento aggressivo dell’arrestato, sarebbe stato indotto a consegnargli una somma di denaro in luogo del materiale ferroso di cui, in quel momento, non aveva disponibilità. L’autorità giudiziaria, concordando con gli esiti delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trapani, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dell’uomo, sul conto del quale i Carabinieri avevano raccolto gravi indizi di reità in merito all’ipotesi di reato di estorsione aggravata in concorso.

 

È obbligo rilevare che l’odierno indagato e destinatario della misura restrittiva è, allo stato, solamente indiziato di delitto, pur gravemente, e che la sua posizione sarà definitivamente vagliata giudizialmente solo dopo la emissione di una sentenza passata in giudicato in ossequio ai principi costituzionali di presunzione di innocenza.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Pantelleria, spaccio di droga: in manette 34enne pantesco

Redazione

Pubblicato

il

PANTELLERIA: SPACCIO DI DROGA. IN MANETTE UN 34ENNE

ISOLANO

I Carabinieri della Stazione di Pantelleria hanno arrestato un 34enne del luogo per il reato
di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
I militari, durante l’esecuzione di un posto di blocco, dopo aver fermato l’uomo alla guida
della propria autovettura, constatavano la presenza nell’auto di residui di fogliame che
emanavano un forte odore.
Pertanto procedevano alla perquisizione personale e domiciliare che consentiva di
rinvenire, presso la sua abitazione, oltre 3.5 Kg. di infiorescenze di marijuana contenuta in
barattoli di vetro, 20 piante di canapa indica in essiccazione, nonché materiale vario per la
pesatura e il confezionamento dello stupefacente, il tutto sottoposto a sequestro.
L’uomo, a seguito dell’udienza di convalida, veniva sottoposto alla misura dell’obbligo di
dimora sull’isola e il divieto di allontanarsi dalla propria abitazione durante le ore notturne.

Leggi la notizia

Economia

Codici: Sicily by Car segnalata all’Antitrust per costi e modalità del rifornimento dell’auto noleggiata

Redazione

Pubblicato

il

 

Tempo di vacanze, di viaggi ed anche di brutte sorprese per i consumatori. È il caso di chi nei giorni scorsi è stato in Sicilia, ha noleggiato un’auto per visitare l’isola e, al momento di riconsegnarla all’aeroporto di Palermo, ha ricevuto un conto con una voce che l’ha spiazzato, tanto da segnalarlo all’associazione Codici.

 

“La vicenda che abbiamo deciso di portare all’attenzione dell’Antitrust – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici –, riguarda la compagnia di autonoleggio Sicily by Car e la voce relativa al servizio di rifornimento. Parliamo di circa 25 euro, una somma in fin dei conti contenuta, ma il problema è il modo in cui viene indicata. Questa spesa, infatti, non è illustrata in maniera chiara al momento della sottoscrizione del contratto. Oltre alla sorpresa per questo pagamento, il consumatore deve fare i conti anche con la difficoltà nel fare rifornimento: la stazione di servizio più vicina all’aeroporto di Palermo è a circa 20 chilometri, quindi risulta impossibile farlo per chi si ritrova a ridosso dell’orario di imbarco. Sono tutti aspetti su cui abbiamo deciso di richiedere una verifica all’Autorità per tutelare i consumatori, considerando tra l’altro che in passato Sicily by Car è stata già oggetto di controlli e di sanzioni proprio da parte dell’Agcm”. Il riferimento è alla multa inflitta dall’Antitrust per la vessatorietà della clausola inserita nel contratto e riguardante un addebito a carico del cliente per l’attività di gestione di multe, pedaggi e parcheggi comminati da autorità, enti e concessionari riguardanti la circolazione del veicolo noleggiato.

 

L’associazione Codici invita i consumatori a segnalare eventuali problemi con le compagnie di autonoleggio a causa di costi non illustrati in maniera adeguata al momento della sottoscrizione del contratto, così da poter far valere i propri diritti e tutelarsi di fronte a spese extra illegittime. È possibile contattare lo Sportello Nazionale al numero 065571996 o all’indirizzo e-mail segreteria.sportello@codici.org.

Leggi la notizia

Cronaca

Pantelleria / Sicilia SudOvest – Meteo, allerta rossa per la giornata di domani

Direttore

Pubblicato

il

Allerta rossa per rischio incendi

Il Dipartimento della Protezione Civile della Regione Siciliana ha emesso il quotidiano bollettino meteo.
Per la giornata di domani è prevista allerta rossa per il rischio incendi, per l’ondata di calore che sta investendo la Sicilia Sud Occidentale, come si evince dal grafico di seguito riportato

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza