Segui i nostri social

Economia

4milioni e 500mila euro per il Porto di Pantelleria. Riqualificazione di waterfront della Sicilia con 40milioni di euro

Avatar

Pubblicato

il

La Sicilia si fa bella a iniziare dal lungomare. Ben 40milioni di euro previsti per il miglioramento dei centri urbani e aree portuali.

Grazie all’ impegno e alla collaborazione di tutti gli attori, un altro importante momento per il SUD! Sono State pubblicate oggi le graduatorie definitive del Programma di Azione e Coesione PAC 14/20 per l’Asse B e C.

L’ Asse B “Recupero Waterfront” prevede l’ampliamento e la riqualificazione degli approdi dei moli e dei Terminal Crociere dei porti, la sistemazione e la riqualificazione funzionale e urbanistica delle aree portuali, il miglioramento della connessione materiale tra i centri urbani e le aree portuali (17 milioni), in particolare:

Progetto di Riorganizzazione e riqualificazione degli spazi pubblici del lungomare di Pantelleria (734.771,87 €); – Restyling dei Terminal Crociere dei porti delle regioni meno sviluppate. Progetto di Riorganizzazione e riqualificazione degli spazi pubblici del lungomare di Pantelleria (909.535,79 €); – Interventi di sistemazione e di riqualificazione funzionale e urbanistica delle aree portuali. Progetto per la riqualificazione urbanistica ed ambientale waterfront adiacente al porto di Marsala – 2° stralcio (1.975.684,88 €); – Interventi di sistemazione e di riqualificazione funzionale e urbanistica delle aree portuali. Porta del Mare, Milazzo (7.720.962,00 €); – Interventi di miglioramento della connessione materiale tra i centri urbani e le aree portuali. Progetto di Riorganizzazione e riqualificazione degli spazi pubblici del lungomare di Pantelleria (2.896.726,65€); – Interventi di miglioramento della connessione materiale tra i centri urbani e le aree portuali. Riqualificazione di Porto Piccolo di Siracusa, approdo Santa Lucia e Riva Porto Lachio (2.559.076,12€).

L’ Asse C “Accessibilità turistica” prevede invece il potenziamento e la riqualificazione della dotazione materiale e immateriale trasportistica e il miglioramento e la sostenibilità̀ della mobilità interna ed esterna alle aree di attrazione (21 milioni) del programma, in particolare:

– Pianificazione e programmazione degli interventi. Progetto Passiblei – Circuito del Barocco Sistema integrato di mobilità ciclo ferroviaria nella Val di Noto (1.400.000,00 €); – Potenziamento e riqualificazione della dotazione materiale e immateriale trasportistica. Realizzazione di nuove strutture per l’accoglienza dei passeggeri a Porto Empedocle e intermodalità vigatese (3.250.000,00 €); – Potenziamento e riqualificazione della dotazione materiale e immateriale trasportistica. Ride On Strait, Messina (1.040.000,00 €); – Potenziamento e riqualificazione della dotazione materiale e immateriale trasportistica. Riqualificazione del Lungomare Bisani – tratto da Punta di Mola allo scalo trapanese – intervento di potenziamento e messa in sicurezza della mobilità ciclopedonale, Ragusa (5.300.000,00 €); – Potenziamento e riqualificazione della dotazione materiale e immateriale trasportistica. Catania Inside. Innovazione, Cultura, Turismo, Mobilità (870.000,00 €); – Miglioramento e sostenibilità della mobilità interna ed esterna alle aree di attrazione. Ride On Strait, Messina (402.000,00 €); – Miglioramento e sostenibilità della mobilità interna ed esterna alle aree di attrazione. Catania Inside. Innovazione, Cultura, Turismo, Mobilità (8.700.000,00 €).

Il completamento dell’iter con la pubblicazione delle graduatorie definitive, anche degli assi B e C, del Programma di Azione e Coesione 14/20 rappresenta un risultato importantissimo per il Sud ed in particolare per la Sicilia. Il programma Pac prevede il completamento degli interventi entro il 2023, quindi non c’è tempo da perdere, bisogna fare in fretta e bisogna fare bene perché ottenere i finanziamenti è un merito ma trasformare quei fondi in opere concrete è un obbligo! In un periodo di fame infrastrutturale come questo, si palesano preziosissime le risorse che il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ha messo in campo negli ultimi mesi.

C’è tanto per la Sicilia, l’isola di Pantelleria è nel cuore dell’azione finanziaria con ben 4 milioni e mezzo di finanziamenti.

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne' è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia

Lavoro – Fondi per nuove imprese al femminile in Sicilia

Avatar

Pubblicato

il

Imprenditoria femminile 2022: Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 296 del 14 dicembre 2021 del decreto interministeriale 30 settembre 2021, viene  dato il via agli incentivi previsti Fondo a sostegno dell’impresa femminile istituito dall’articolo 1, comma 97, della legge 30 dicembre 2020, n. 178 (Legge di bilancio per il 2021).

La nuova agevolazione sosterrà l’avvio e il rafforzamento dell’imprenditoria femminile, la diffusione dei valori dell’imprenditorialità e del lavoro tra la popolazione femminile e di massimizzare il contributo quantitativo e qualitativo delle donne allo sviluppo economico e sociale del Paese

https://incentivisicilia.it/bandi-e-finanziamenti/imprenditoria-femminile-2022-contributi-80-fondo-perduto-nuove-imprese-donna/

 

Rimanete aggiornati con Il Giornale di Pantelleria.
E’ possibile contattare la redazione, operativa h24, al seguente indirizzo: [email protected]; ovvero tramite Whatsapp al numero: 3332715327

 

Leggi la notizia

Economia

Fondi fino a 200mila euro per 13 comuni della Sicilia. Tra questi Lipari e Favignana

Avatar

Pubblicato

il

Covid, fondo nazionale per le piccole e medie città d’arte colpite dal calo di presenze turistiche fra il 2019 e il 2020 In Sicilia sono 13 i comuni ammessi a concorrere all’erogazione dei contributi a fondo perduto fino a 200 mila euro

Cefalù, Agrigento, Noto, Modica, Scicli, Zafferana Etnea, Acireale, Acicastello, Lipari, Giardini Naxos, Taormina, Castelvetrano e Favignana. Sono i tredici comuni siciliani ammessi a concorrere all’assegnazione dei contributi a fondo perduto fino a 200 mila euro del fondo per il sostegno alle piccole e medie città d’arte e ai borghi colpiti dalla diminuzione dei flussi turistici durante la pandemia come differenza di presenze tra il 2019 e il 2020. L’opportunità è prevista dal decreto del ministero dell’Interno dell’8 ottobre 2021 di concerto col ministero della Cultura, pubblicato in gazzetta ufficiale il 15 ottobre 2021.

“I comuni – spiega Giuseppe Sciarabba, presidente dell’Agenzia di sviluppo del Mezzogiorno – possono presentare richiesta di contributo per un solo progetto che dovrà contenere misure per la promozione e il rilancio del patrimonio artistico riguardanti iniziative ed eventi che facilitino il coinvolgimento di cittadini e portatori di interessi; iniziative mirate all’aumento della fruizione del patrimonio artistico, ampliandone l’accessibilità a tutte le categorie di utenti in modo sostenibile e inclusivo; attività di studio e ricerca sul patrimonio artistico cittadino da diffondere tramite elaborazione e attuazione di progetti formativi e di aggiornamento; iniziative di promozione e comunicazione, anche digitale, del patrimonio artistico e delle attività di valorizzazione a esso dedicate; e infine servizi di assistenza culturale e di ospitalità per il pubblico”.

Tra il 2019 e il 2020 i comuni selezionati hanno perso complessivamente 3 milioni e 163.450 mila turisti. Taormina guida la classifica con meno 792.763 presenze, seguono Giardini Naxos (-568.125), Cefalù (-489.609), Castelvetrano (-212.466), Agrigento (-210.310), Lipari (-178.621), Acicastello (-148.282), Noto (-143.663), Acireale (-141.654), Modica (-87.107), Favignana (-66.886), Scicli (-66.582) e Zafferana Etnea (-57.382).

“I comuni – continua Sciarabba – dovevano soddisfare tre requisisti fissati dal decreto: popolazione residente Istat alla data del 1° gennaio 2020 inferiore ai 60.000 abitanti; presenza nella “Classificazione ISTAT dei comuni italiani in base alla categoria turistica prevalente” determinata da vocazione culturale, storica, artistica e paesaggistica, ancorché non esclusiva; e infine diminuzione (superiore alle 50 mila unità) delle presenze nelle strutture turistico-ricettive del territorio comunale tra il 2019 e il 2020, registrate dall’Istat nella rilevazione del “Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi per tipologia ricettiva, residenza dei clienti e comune di destinazione. Gli enti assegnatari delle risorse – conclude Sciarabba – per partecipare alla selezione devono compilare la domanda sul sito internet del ministero dell’Interno – Dipartimento per gli affari interni e territoriali – a partire dal 1° marzo 2022 e fino alle ore 14:00 del 31 marzo 2022”.

Leggi la notizia

Economia

Pantelleria Bau organizza raccolta fondi per acquisto macchina per radiografia ed emocromo

Avatar

Pubblicato

il

Pantelleria Bau ha organizzato una raccolta fondi, tra gli amanti e simpatizzanti degli amici a quattro zampe, il cui ricavato verrà utilizzato per l’acquisto di una macchina per eseguire radiografie e una per l’analisi dell’emocromo.

La cifra da coprire è importante: si parla di 12000 euro, ma è poca roba se si pensa ai disagi continui cui si devono sottoporre animali e loro proprietari per raggiungere uno studio veterinario in terraferma, dove effettuare i controlli.

Nella locandina di seguito riportata troverete spiegato come è possibile partecipare all’iniziativa.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency